Rinnovare low cost la cucina

Rinnovare low cost la cucina

Rinnovare low cost la cucina

La cucina è probabilmente l’ambiente al quale maggiormente ci si affeziona in casa. In questo articolo ci dedicheremo a come rinnovare low-cost la cucina evitando di sostituirla completamente, risparmiando e contemporaneaemente ottenendo un aspetto fresco e nuovo.

Piano di lavoro in gres porcellanato

Il top della cucina è sicuramente la superficie di casa maggiormente sottoposta all’usura nel tempo. Contrariamente a quanto si pensi, i top in marmo non sono eterni, cosí come i nuovi materiali che lo imitano possono nel tempo presentare dei problemi, nel granito, marmo o pietra nei rinforzi in acciaio posti sul perimetro dei fori degli elettrodomestici si ringofiavano per effetto della ruggine provocando la rottura del marmo o della pietra
Per rinnovare low cost la cucina, sostituire un top consumato e usurato è il primo passo per dare una nuova immagine . Evitando di cambiare elettrodomestici o mobili è possibile con delle opportune piccole modifiche dotare la propria cucina di un nuovo top low cost e di  alta qualitá.
Basta realizzare un piano in legno marino,( è molto importante il supporto per l’aggresione dell’acqua) e rivestirlo con lastre in gres porcellanato che hanna una notevole resistenza agli acidi , all’abrasione ed al calore con un costo decisamente contenuto.

Rinnovare low cost la cucina significa inoltre dare un nuovo aspetto ai mobili  , dare una rinnovata resistenza alle parti deteriorate e sostituire tutte le cerniere per migliorare la chiusura.
Una cucina in legno ha  vent’anni ha fatto il proprio dovere ma per i colori scuri in voga all’epoca puó risultare pesante e vecchia agli occhi del proprietario che vorrebbe un cambiamento in casa propria, ma non per questo si merita la sostituzione  con un notevole risparmio di risorse
A volte è sufficiente cambiare il colore alla cucina rilaccandola, le maniglie, la disposizione di qualche modulo,  il rivestimento a parete, il top ed  il risultato è una cucina nuova e pronta per altri venti anni

Rinnovare low cost la cucina  è dare un tono nuovo a tutta la casa e con atmosfera  vintage anni 50, giocosa con i pomoli colorati e allo stesso tempo fresco e contemporaneo. Niente in comune con quei mobili visti e rivisti e con quell’aspetto pesante e superato che aveva la cucina prima dell’intervento per rinnovare low cost la cucina
Cerniere sostituite per garantire la perfetta apertura delle ante, top in gres e nuovo rivestimento.

Top cucina,piano di lavoro rivestito con piastrelle di gres porcellanato ,marmo, pietra,marmo,okite o mosaico Bisazza.

 Contattaci per un preventivo Gratuito 
top cucina rivestito

Top cucina rivestito igres porcellanato tipo i sassi del Piave

Come realizzare il top cucina o piano di lavoro per rinnovare low cost la cucina

  Top cucina legno rivestito con piastrelle di gres porcellanato, marmo, pietra, okite o mosaico Bisazza.

PER IL TUO ARREDAMENTO PUOI SEGUENDO I CONSIGLI REALIZZARE DA SOLO QUEL CHE VUOI

 

 

 

 

 

 

 


 

tavoli a penisola nelle cucine su misura

Top cucina rivestito con grandi formati di gres porcellanato

piano in multistrato fenolico con bordo legno

piano in multistrato fenolico con bordo legno in preparazione per incollare piastrelle

top cucina stesura colla

top cucina stesura colla per il successivo incollagio del gres porcellanato


Bancone rivestito in bisazza

top cucina

rivestimento top con tesserine della bissazza

top cucina

bancone rivestito co tesserine della bissazza


 Le diverse fasi per realizzare il top cucina

La  Sig.ra Veronica, che è appassionata del ” fai da te ” ci ha telefonato chiedendoci cosa poteva fare per sostituire il piano di lavoro in laminato della sua cucina, perchè presenta degli aloni scuri dovuti all’appoggio di pentole calde e delle striature da coltello, considerato che non sempre ha usato il tagliere. Pertanto la signora desiderava una soluzione economica, ma allo stesso tempo più resistente. Per risolvere questo problema abbastanza diffuso, Vi illustrerò una soluzione bella dal punto di vista estetico, nonchè notevolmente resistente al taglio ed al calore.

1) procuratevi un piano di multistrato fenolico di pino spessore cm. 3, poichè è anche molto resistente all’acqua ed è economico

2) fate i tagli per poter inserire il lavello ed il piano cottura

3) acquistate una colla bicomponente per poter mettere il rivestimento

4) acquistate delle piastrelle in grès porcellanato in pasta non smaltate, di marmo , di pietra, okite (ne esistono di diverse dimensioni : 10×10, 20×20, 30×60 ); in alternativa, potete anche  usare le tesserine di mosaico della Bisazza che danno al tuo arredamento un tocco di classe

5) miscelate la colla precedentemente acquistata e stendetela sul piano di legno in maniera uniforme

6) distribuite a vostro piacimento le piastrelle di gres porcellanato (marmo, di okite, mosaico Bisazza) sul piano così trattato, avendo cura di operare i tagli precisi intorno ai fori del lavello e piano cottura

7) lasciate asciugare per un giorno, quindi stuccate il rivestimento con uno specifico stucco al quarzo additivato con resine, sciegliendo il colore che più si addice al rivestimento scelto

8) a questo punto potete rifinire il frontale del piano con un bordo di acciaio o di legno nell’essenza della vostra cucina o laccato

Al termine di tutte queste operazioni avrete un piano estremamente funzionale e resistente,un top cucina praticamente indistrutibile

Per maggiori informazioni o chiarimenti, potete venire anche a trovarci presso la nostra sede di Via Fornace cavallino 7 Opera ( Mi )

 

Festa del riciclo per il riutilizzo dei materiali a Bresso giugno 2014 (Milano)

Festa del riciclo per il riutilizzo dei materiali a Bresso giugno 2014 (Milano)

Festa del riciclo per il riutilizzo dei materiali a Bresso giugno 2014 (Milano)

 Festa del Riciclo a Bresso 8 giugno 2014 Milano

In occasione della Festa del riciclo per il riutilizzo dei materiali a Bresso giugno 2014, ricca di eventi ed incontri formativi, sará possibile all’interno della manifestazione incontrare direttamente chi  al recupero e alla sostenibilitá dedica gran parte della proprio tempo ed energie, professionisti ed artigiani uniti per affermare che i materiali hanno più possibita di riutilizzo senza disperdere il patrimonio di oggetti che abbiamo a nostra disposizione.

festa del riciclo

tavolo in legno prima del cambiamento come negli anni 70

rinnovo mobili

nuovo design per il tavolo a nuova vita e nuovo look

come cambiare colore al vecchio comò in camera

confronto delle diverse finiture e dei diversi top e della nuova laccatura

 

L’idea centrale è il recupero senza consumare continuamente,  una nuova filosofia di vita, non si puo continuamente usare le discariche per eliminare quello che non ci serve più per consumare e per aumentare il P.i.l. per soddisfare i grandi della finanza.
Lacasapensata, con gli architetti Luca Maioli e Gaetano Grasso di Creocasa, esporranno al Parco Rivolta di Bresso le proprie idee e la propria particolare concezione di riciclo, portata avanti a differente scala dalle ristrutturazioni ad interventi minori, includendo sia arredi ricavati con materiali destinati ormai ad affollare le discariche, sia pezzi di arredamento che avrebbero solamente bisogno di cambiare “vestito” come dare nuova immagine alla libreria cambiando il colore, rinnovare la vecchia cucina rivestendo il piano di lavoro ,e laccandola e sostituendo le vecchie cerniere dandoglie nuovo vigore, usare la laccatura per cambiare la casa riciclando e completando il vecchio che diventa design.

 

Festa del riciclo per il riutilizzo dei materiali a Bresso giugno 2014 (Milano)

 

Programma della festa del riciclo

 h. 9.00 – posizionamento della scultura permanente di alcuni ragazzi del Politecnico
– posizionamento dell’installazione “I colori della luce” a cura dell’Ass. Rivolta, per set fotografico
– Point Giò.CO.RE. per proseguimento “Intrecci in città” – yarn bombing – divulgazione
– Point Istituzionale – divulgazione
– Point “Amici del Parco Nord” – divulgazione
– Pro-loco Ternengo (BI) – esposizione lavori yarn bombing e autovettura “500” – divulgazione
– Mostra lavori dei ragazzi delle scuole del territorio a cura Coop Koinè per conto della Soc. Novelis
– Automezzi Amsa per dimostrazionih. 10. Concorso per vincere la “Ri.ciciletta” a cura della Soc. Novelis
h. 10,30 – Laboratori per bambini Coop. Koinè per conto della Soc. Novelis
altri laboratori presso gli stand –
h. 12/13 Saluto delle Istituzioni, deposizione cartello della scultura – consegna pergamena ai ragazzi
h. 13 Aperitivo offerto da Rist. l’Approdo e Aquiloni Park
Proseguono i laboratori
h. 17 – Associazione Segni e Parole offrono break
h. 17,30 Saluto Assessora alla Cultura
h. 17,40 Premiazione Concorso Ri.cicletta
h. 17.45 Intermezzo cabaret di due attori professionisti
h. 18.00 Sfilata “Rifiuti d’Alta Moda2014” abiti e accessori realizzati con materiali riciclati presentati da donne comuni di tutte le età,
presentata dai due attori.
h. 19.00 circa….. saluti .. con arriverderci alla prossima edizione.

 

Restauro Mobili Milano – Antitarlo sottovuoto

Restauro Mobili Milano – Antitarlo sottovuoto

Restauro Mobili Milano – Antitarlo sottovuoto

 

Restauro mobili milano in laboratorio è un lavoro appassionante, prendere un vecchio mobile e restaurarlo è un operazione estremamente delicata, bisogna rispettare la struttura del mobile da restaurare cercando di mantenere le parti originali e qualora fosse assolutamente necessario sostituire dei pezzi bisogna utilizzare legno della stessa epoca rispettando la colla, i chiodi, la lacca ed i metodi costruttivi che si utilizzavano nel periodo in cui si costruivano  per mantenere il carattere del manufatto. uno dei maggiori fattori nell’usura dei vari mobili è dato dall’attacco sistematico del tarlo che ne indebolisce la struttura  fino a dover intervenire con rapidità per non arrivare alla completa distruzione del mobile che non sarà più in grado di svolgere la propria funzione primaria una sedia attaccata dal tarlo se viene troppo indebolita può essere utilizzata solo come soprammobile.

Debellare il tarlo nel restauro mobili milano è complicato?

 

Debellare il tarlo quando ha aggredito un mobile è un operazione delicata perché il l tarlo ha un proprio ciclo riproduttivo:  la larva, il coleottero, le uova ed è necessario distruggerlo in tutte le fasi .Avvolgendo il mobile in un telo ermetico e flessibile si toglie l’ossigeno dal mobile stesso.L’aria viene aspirata tramite una pompa a vuoto che elimina il 99% dell’aria facendo morire il tarlo e le larve in assenza d’aria ed esplodere le uova attraverso la mancanza di contro-pressione.

 

Consolidamento Del legno nel restauro mobili milano utilizzando il sottovuoto

 

Il VANTAGGIO della TECNICA sottovuoto è che in depressione si può iniettare nel materiale un prodotto che protegga in futuro dai tarli o che consolidi il materiale  con resine modificate ad alta penetrazione impregnandolo totalmente e  conferendogli così una resistenza superiore a quella iniziale quando era nuovo, superando l’ostacolo della scarsa resistenza e restituendogli la funzione primaria, la sedia torna ad essere sedia e non più un soprammobile.

 

Creocasa Milano una risposta a tutte le vostre esigenze

 

© Creo – Casa Milano 2014: Restauro Mobili Milano (tutti i diritti sono riservati)

Progetto e certificazione energetica

Progetto e certificazione energetica

Progetto e certificazione energetica .

 

Progetto e certificazione energetica , tutti ne parlano ,in lombardia (Milano) è un incombemza burocratica per chi deve vendere o deve affittare una casa ,ma se tali progetti fossero opportunamente spiegati  ed indicando il reale risparmio energetico tradotto in denaro con una sponsorizzazione reale e non di facciata, senza obbligo, di cui le persone non ne comprendono il motivo,  potrebbero essere una grossa risorsa per la cultura del risparmio energetico e per lo svilluppo di un vita eco sostenibile , diminuendo la richiesta di energia con lo stesso confort sia ne riscaldamento , nel raffrescamento e nella produzione d’acqua calda per uso domestico .Il progetto e la certificazione energetica non dovrebbe essere un mero calcolo burocratico che conferma solo quello che le persone già sanno, in effetti la maggior parte delle case costruite in passato sono di classe g . Bisogna invece  dare delle indicazioni con  una serie di consigli pratici delle opere e piccoli lavori da fare in casa per aumentare il confort diminuendo le spese d’energia . Creocasa  ,con un termotecnico e l’architetto Luca Maioli di Casapensata abbiamo messo a punto una serie di accorgimenti per il risparmio energetico.

progetto d'interi appartamenti,casa e certificazione energetica

classi energetiche

Accorgimenti tecnici e di buon senso per la casa ( Isolamento involucro)
con il progetto e certificazione energetica

 

Verifica tenuta d’aria sul perimetro dei serramenti con sigillatura perimetrale con schiume poliuretaniche e silicone.

Isolamento termico dietro i caloriferi con pannelli isolanti termorifletenti a basso spessore in Aereogel. (L’Aerogel è un prodotto straordinario: scoperto accidentalmente negli anni ’30 del secolo scorso, sta rapidamente rivoluzionando le logiche dell’isolamento in edilizia)

Isolamento termico dei cassonetti tapparelle  in Aerogel con spazzole adererti alle tapparelle per ridurre lo scambio termico.

Verificare i serramenti,  adeguarli o se è il caso sostituirli con serramenti certificati con un buon isolamento termico.

Aggiunta di Pannelli fotovoltaici  con serbatoi per la produzione d’acqua calda.

Insuflaggio di materiale isolante nelle intercapedini

Progetto e certificazioni energetiche

Fare il  progetto e la certificazione energetica con un tecnico coscenzioso  che ti mette inoltre al corrente delle soluzioni, il che  significa che vengono eliminati i ponti termici causa del umidità di condensa che fa proliferare delle sgradevoli micosi nere negli angoli degli appartamenti causa di riniti e allergie ,avere una casa con una migliore classe energetica non significa solo risparmio , aumenta anche il valore della casa e la rende più salubre.

 

Creocasa una risposta a tutte le vostre esigenze

 

Scritto da Gaetano Grasso di Creocasa

Lamatura e spazzolatura pavimenti in legno

Lamatura e spazzolatura pavimenti in legno

Lamatura e spazzolatura pavimenti in legno.

lamatura e spazzolatura pavimenti in legno

lamatura e spazzolatura pavimenti in legno:lamatura

Lamatura e spazzolatura pavimenti in legno ,sono queste alcune delle operazioni che i debbono fare dopo la posa dei pavimenti in legno.

I pavimenti in legno sono forse tra le finiture più calde e naturali che si possano mettere all’interno di una casa ,un ristorante , un negozio, ect… .

La lamatura e  spazzolatura pavimenti in legno sono delle lavorazioni che vengono effetuate dopo la posa di pavimenti in massello di legno , di pavimenti tradizionali in massello di legno gia posati o di pavimenti prefiniti che abbiano un buon spessore di strato nobile di massello di legno su cui operare.

Pavimenti in legno prefiniti

lamatura e spazzolatura pavimenti in legno

lamatura e spazzolatura pavimenti in legno: operazioni di finitura e spazzolatura

Oggi con i prefiniti è possibile avere pavimenti spazzolati ,trattati e colorati posati direttamente in opera senza ulteriori finiture, con una finitura che in alcuni casi sà un pò  di di artificiale troppo perfetto senza imperfezioni ,ma molti accettavano questo compromesso perchè pensavano che certi effetti certe finiture non si potessero ottenere con i materiali e le lavorazioni tradizionali a piè d’opera .

Esperienze dai maestri della falegnameria

Creocasa nella propria falegnameria ha messo a punto una metodologia già utilizzata per la finitura dei mobili che dona a loro un fascino particolare e che è possibile trasporre nella posa e finitura dei pavimenti in legno tradizionali da posare o  già posati.

lamatura e spazzolatura pavimenti in legno

Lamatura e spazzolatura pavimenti in legno:venatura del legno messa in evidenza dalla spazzolatura.

Metodologie di finitura del legno

La lamatura e spazzolatura pavimenti in legno da l’opportunità a Creocasa di relizzare in opera diversi tipi di finitura . anticate ,velate ,acquarellate ,spazzolate e colorate nei diversi e molteplici colori dell’arcobaleno.Con l’esperienze dei propri falegnami ,restauratori , laccatori , della falegnameria nel suo complesso Creocasa grazie alle diverse esperienze è in grado di andare incontro alle esigenze dei vari clienti.

Creocasa Milano :una soluzione a tutte le vostre esigenze

Scritto da Gaetano Grasso di CREOCASA