Formica in cucina

Formica in cucina

Formica in cucina

Formica in cucina a Milano per avere una cucina  più robusta la cui superficie è più resistente sicuramente per i materiale. Il laminato plastico o formica è un materiale ottenuto mediante processi di laminazione. Questo laminato per il mobile e l’arredamento come rivestimento dei pannelli lignei gli da l’aspetto finale.

La formica in cucina nel tempo

nuovo colore nuova immagine formica in cucina

mazzetta colori con scala colori

Il laminato plastico con effetto dei vari materiali con il passare del tempo a Milano ha dato modo di trovare soluzioni alternative ed estetiche. Le soluzioni più semplici sono quelle date dal colore che solo cambiando la colorazione in primo tempo è basilare ed impattivo. Con la formica in cucina sempre più vicina alla realtà per la pietra, il legno, i metalli e non materiali conservando di fatto nuove soluzioni per il futuro.

Superfici in formica in cucina con l’anima in multistrato meglio se marino

Combinando accattivanti superfici in vero metallo con la flessibilità e la praticità del laminato, e rispondendo alle ultime tendenze in materia di interni con effetti ruvido, scolpito, spazzolato e il nuovo battuto in stili contemporanei di colori, la gamma offre una collezione giovane e fremente di un design esclusivi. Con la superficie in formica e la giusta anima si ottiene un prodotto praticamente  imbattibile.

L’anima interna in legno marino

Quando si intendono realizzare in falegnameria mobili su misura la qualità dell’arredamento cucine è determinata dalla scelta. Il multistrato marino di okumé è oggi il materiale più duraturo grazie alla sua resistenza all’acqua. Con i pannelli di okumé già utilizzati in arredamento navale per la loro resistenza siamo già in posizione avanzata. Per i materiali per le cucine dei piani di lavoro del rivestimento degli schienali abbiamo veramente un ampia scelta . Dalle pietre naturali, ai travertini, ai marmi,ai basalti, ect.. sono materiali duraturi, ma con la propensione ad assorbire quindi a macchiarsi.

 

Creocasa Milano una risposta a tutte le vostre esigenze

Cucina in nicchia profonda 84cm con angolo

Cucina in nicchia profonda 84cm con angolo

Cucina in nicchia profonda 84cm con angolo

Cucina in nicchia profonda 84 cm con angolo, Creo Casa Milano perché non soddisfatta del progetto proposto cerca la soluzione. La soluzione realizzata in falegnameria che  però soddisfi i desideri del cliente, é questo  il maggior obbiettivo per Creocasa. La stanza cucina è 3,10 x 4.60, con un corpo avanzato di 1,30 x 0,84  per cui  crea una nicchia di 3,30 x 84 in cui inserire la cucina. Aver inserito la cucina in nicchia perché si completi pone alcuni interrogativi. Non c’è spazio per il frigorifero ed una zona dispensa nella nicchia perché si ridurrebbe il piano di lavoro. Bisogna proporre delle soluzioni tenendo conto degli spazi, dei costi, del tavolo cucina e di un piccolo spazio TV.

Il perchè delle diverse soluzioni della cucina in nicchia

 

cucina in nicchia

cucina in nicchia soluzione
n 1 con dispensa dietro la porta

 

La prima soluzione in fase di stesura del primo progetto complessivo con la disposizione interna del locale cucina, prevedeva una zona dispensa ortogonale al di fuori della nicchia. Tale soluzione lasciava però la zona dispensa in castigo dietro la porta, rendendo difficile l’accesso alla credenza o dispensa. Quindi sarebbe stato opportuno rendere la porta scorrevole dentro il muro senza invadere alcun spazio. Questa soluzione avrebbe comunque comportato nuovi costi e demolizioni che comunque si volevano evitare.

 

 

La scelta è di fare una cucina su misura in nicchia

 

Fare una cucina in nicchia su misura  in falegnameria ci dà la soluzione, che dà continuità ai mobili da realizzare, mantenendo la porta attuale. Innanzitutto la cucina per equilibrare lo spazio in nicchia avrà la profondità di 75/80 cm. La zona dispensa sarà in parallelo alla nicchia con due lati a vista affinché la cucina in nicchia  non abbia interruzioni. Tale prolungamento comprenderà anche il frigorifero a posizionamento libero della lieberr e darà la possibilità di aumentare la mensola ad elle . Tale prolungamento ci consentirà di porre il televisore ad un altezza di circa 1 ml  perché migliora la visuale .

cucina in nicchia modulare

Con la colonna forno dispensa, frigorifero da realizzare in falegnameria con due facce ad angolo diamo una diversa immagine alla cucina

Piccola cucina rettangolare con finestra centrale

Piccola cucina rettangolare con finestra centrale

Piccola cucina rettangolare con finestra centrale

 

 

 

Piccola cucina rettangolare Aperta e lineare

Piccola cucina rettangolare con finestra centrale, come realizzarla

Piccola cucina rettangolare con finestra centrale

lato sinistro piccola cucina in legno con posto per frigor posizionamento libero letteralmente cucita sulla parete

per utilizzarla al meglio. Quando la cucina è veramente piccola, la prima soluzione per guadagnare spazio è aprirla al soggiorno.  Si trasformerà in una moderna  cucina open space. Attrezzare  le pareti con mobili alti, perchè bisogna utilizzare  ogni cm   per avere una cucina perfettamente funzionale, spaziosa e confortevole.  Per seguire questa impostazione è utile la finestra centrale, che dà un abbondante aereazione potendo dispore vicino il piano cottura e il lavello. Sarà comunque utile Dotarsi inoltre di una cappa di aspirazione moderna e di design.

 

Come un abito cucito addosso su misura

 

Se la cucina è piccola uno dei modi più efficaci di organizzarla al meglio è riempirla sfruttandone ogni centimetro. Creocasa in questo è attenta realizzando le proprie cucine con gli zoccoli a cassetto o i numerosi piani estraibili di supporto.  Scegliere la cucina su misura, personalizzata realizzata in falegnameria  è in questo caso la scelta migliore. La piccola cucina rettangolare con finestra centrale utilizzatela in altezza e create un piano di lavoro organizzato, facile da utilizzare.

Con il colpo d’occhio  importante è l’apparenza

Piccola cucina rettangolare con finestra centrale che illumina

lato destro cucina in legno con lavastoviglie sotto il forno realizzata addosso come il sarto

Far 

apparire è uno di quei lavori che migliorano la vita delle pers

one. Sì, proprio così, dare l’immagine di un ambiente spazioso e pieno di luce  migliora l’umore delle persone. Tutto contribuisce a rendere l’immagine più luminosa ed ariosa, dalla scelta dei colori che devono essere chiari se non bianchi. Alla linea dei mobili che deve essere  pulita, priva di fronzoli e di astacoli che dà la sensazione di uno spazio più aperto. Usare piccoli trucchi ed artifici per aumentare il senso di maggior spazio è nell’arredamento quasi obligatorio. L’arredamento è pure l’arte dell’ apparenza, una buona illuminazione ed un colore di fondo, servono sicuramente a migliorare la scenografia dell’ambiente cucina.

Piccola cucina rettangolare con finestra centrale in rovere spazzolato

cucina con finestra centrale in rovere spazzolato chiaro acquarellato

Le variabili per realizzare la giusta cucina sono

molteplici

 Abbiamo fatto la considerazione sulla forma in pianta del locale, ma non solo la forma della stanza può portare a richiedere le cucine su misura realizzate artigianalmente in falegnameria. Anche l’inclinazione del soffitto può essere un

fattore. Le cucine su misura, per i sottotetti seguono l’andamento della falda del tetto con pensili costruiti ad hoc. Le profondità delle basi non sono fisse ma si adattano per garantire una maggiore fruibilità.

 La cucina su misura diventa ergonomica

Maggiore comodità quindi in una cucina su misura, oltre che l’estetica  data dalla forma stessa della cucina su misura che ti permette di utilizza tutti gli angoli. Progettare per  trovare una soluzione ad hoc per la giusta cucina su misura. La cucina su misura è una cucina ergonomica disegnata in relazione a chi la utilizzerà, valutandone l’altezza, le esigenze, le abitudini. Con un dei nostri prodotti su misura non bisogna abituarsi alla cucina per usarla comodamente, sarà la cucina ad adattarsi!

Creocasa milano una risposta a tutte le vostre esigenze

Cucina laccata lucida moderna

Cucina laccata lucida moderna

Cucina laccata lucida Renata

Cucina laccata lucida moderna per la signora Renata che ama gli ambienti minimalisti e voleva dare un aspetto moderno alla propria cucina. Abbiamo proposto un particolare tipo di laccatura lucida, mantenendo le basi grigio-tortora.  I pensili bianchi per non appesantire l’ambiente.  Realizzati su misura in falegnameria più alti rispetto ai normali pensili in commercio.
La cucina laccata lucida Renata, così l’abbiamo battezzata in onore della sua simpatica proprietaria. IL vantaggio, rispetto alla finitura laccata opaca,è di rendere l’ambiente più luminoso  riflettendo a specchio la luce della vicina porta finestra.

Cucina laccata lucida

Immagine complessiva della cucina laccata lucida


L’evoluzione del progetto della cucina laccata lucida Renata

Una volta prese le misure dello spazio da arredare.  Abbiamo sviluppato un  progetto della nuova cucina laccata lucida. La stanza era triangolare, come si può vedere nel disegno sotto. Era  una scelta obbligata di rivolgersi ad una falegnameria. La scelta di Creocasa si è rivelata giusta, con una attenta progettazione ha dato la migliore soluzione. La cucina su misura prodotta  poi nella propria falegnameria interna ha razionalizzato gli spazi dei mobili della cucina su misura. Realizzando la cucina seguendo l’andamento della pareti che tra loro non formavano nemmeno un angolo retto gli si è dato una forte caratterizzazione.

Cucina su progetto vista dall'alto

Vista dall’alto del locale cucina di forma triangolare

 

 

Il progetto cucina cresce

 

Nella prima proposta di progetto a Milano, la cucina laccata lucida era dotata di un lungo top con forno sottopiano. Tale soluzione permetteva di mettere un televisore nell’angolo sul piano di lavoro. Lo spreco di spazio tuttavia era evidente, abbiamo scelto di realizzare in corrispondenza dell’ingresso  cucina una colonna, con forni  e una dispensa romboidale al lato. Il televisore è stato posto sulla parete opposta, vicino la portafinestra.

 

cucina laccata lucida

Campione della finitura laccata lucida per la scelta del colore

La porta di ingresso a scorrere è stata una mossa vincente.  La porta era a battente, Ma aprendosi sarebbe stata di  intralcio, perchè sarebbe stato necessario chiudere la porta dietro di sè per accedere al mobile dispensa sulla  destra. Abbiamo così pensato di sostituire la porta con una scorrevole. La porta scorrevole esterna-muro,  non avrebbe permesso al tavolo l’aderenza al muro. Problema che abbiamo risolto realizzando una quinta nella nostra falegnameria interna. Tale quinta spazzolata laccata Bianca come in teatro creava movimento occultando la porta, a cui potevamo appoggiare anche il tavolo allungabile.

Album fotografico di cucina laccate lucide

 

 

La cucina laccata lucida è bicolore, bianca e tortora, e bene si accosta alla tonalità di grigio del top e dello schienale, ricoperto in lastre di grès porcellanato . Il Grès porcellanato è un materiale che quando si usano formati ridotti  più economico dell’Okite , del marmo o del solid surface, ma  è nettamente più resistente. Un Top rivestito in grès porcellanato è eterno. Non assorbe perchè prodotto di fusione e   se ci si taglia sopra con il coltello, è il coltello a perdere il filo.

Per il frontale del piano di lavoro  l’acciaio inox  per rendere i mobili cucina più moderni e tecnologici.

 

Una selezione di alcune nostre cucine realizzate su misura nel nostro laboratorio a Milano

 

Da Creocasa a Milano abbiamo tutte le risposte alle vostre esigenze

 

 

 

 

Misura profondità cucina elemento importante

Misura profondità cucina elemento importante

Misura profondità cucina elemento importante

 

Misura profondità cucina elemento importante per arredare il locale cucina, per poterla sfruttare in modo semplice a seconda delle necessità e della dimensione.
Realizzare una cucina su misura non significa solamente sfruttare tutto lo spazio a disposizione con mobili totalmente contenitivi che seguono al centimetro le misure dell’ambiente; per progettare una cucina su misura sono fondamentali le dimensioni delle persone che la useranno. Rispettandole e applicando qualche regola è possibile costruire un mobile ergonomico e che non affatichi la schiena, poichè è dimostrato che stare per lungo tempo in posizione eretta lavorando su un piano troppo basso rispetto alla propria corporatura è dannoso per la salute oltre che essere scomodo.

Misure profondità cucina

Grafica che illustra come dimensionare i mobili della cucina in base all’altezza delle persone

Per questo semplice motivo un buon produttore di cucine su misura non considera mai le misure standard per i propri mobili, poichè queste vengono stabilite in base al contesto e all’altezza delle persone.

Come variano le profondità della cucina su misura

Misure profondità cucina elemento importante: in base alle dimensioni della stanza possono variare da 30 a 80 cm.

La profondità standard delle cucine è di 60 cm circa, in maniera tale da incorporare senza problemi i vari elettrodomestici contenendoli sopra o sotto il piano di lavoro.
In ambienti stretti e lunghi tuttavia possono essere sicuramente utili mobili profondi 30-45 cm.

Cucine su misura a profondità ridotta: le basi da 30-45 cm.

In una cucina stretta e lunga  le possibilità di manovra sono ridotte,  quindi quando si progetta la disposizione dei mobili  è necessario utilizzare alcuni accorgimenti sia nella scelta degli elettrodomestici che nell’inserimento di piani estraibili provvisori da utilizzare al bisogno.
É fondamentale soprattutto  individuare dei punti in cui inserire gli elettrodomestici di profondità 60 dal momento che per un attività di normale cucina non esistono sul mercato prodotti con dimensioni diverse.

Cucine con profondità ridotta a 45 cm inserimento elettrodomestici

Cucine con profondità ridotta a 45 cm inserimento elettrodomestici

Un fattore da tenere in considerazioni quando si arreda una cucina lunga e stretta a Milano è sicuramente la posizione della porta di ingresso, quindi se questa non è vincolata in maniera definitiva bisogna valutarla bene. Un trucco  per arredare in maniera intelligente la cucina stretta e lunga è appunto spostare  la porta di ingresso a 60 centimetri almeno dal muro più corto, in maniera tale da posizionare l’elettrodomestico da 60 sulla parete a sinistra. Se poi sulla parete di destra è presente una finestra e non una portafinestra ed è possibile sfruttare anche quella parete tanto meglio: si avrà la possibilità di addossare un ulteriore elettrodomestico profondo 60, come una lavastoviglie o un forno, che superiormente daranno la possibilità di continuare con il piano di lavoro sotto-finestra.

Cucine con profondità 70-80 cm. Le basi della cucina a profondità aumentata

Cucine con profondità aumentata, molti si chiedono se è possibile realizzarle. In passato ci sono state alcune timide proposte da parte di alcune primarie aziende che poi non hanno dato seguito alla produzione pur avendone vendute alcune. Di fatto venivano consegnate cucina con solo le spalle da 70-80 cm, ma in realtà ai mobili non corrispondeva una reale aumentata capienza delle basi, dei cassetti e dei cestoni. Solo il piano di lavoro era più profondo… insomma ciò che che era stato promesso non è poi stato mantenuto.

profondità cucina misura 70

Cucina con profondità aumentata a 70-80 cm., oltre ad avere un piano di lavoro più profondo si hanno mobili più contenitivi e la possibilità di installare una vaschetta esclusivamente per le posate.

 

I vantaggi delle cucine con piani di lavoro più profondo:


Sicuramente un piano di appoggio largo 70 o perfino 80 centimetri è più comodo, basti pensare alla quantità di oggetti che si accumulano presto o tardi sul piano di lavoro: il tostapane, il bollitore, il classico ceppo in legno per i coltelli da cucina, i vasetti delle spezie, per non parlare dei cestelli che si possono appendere sulla parete dello schienale per le posate lavate da far asciugare. Tutti questi oggetti limitano di fatto lo spazio disponibile del top, spazio fondamentale per cucinare, e il risultato è un continuo spostare oggetti magari per utilizzare il grosso tagliere.
Anche se 10 centimetri possono sembrare pochi, il piano di lavoro delle cucine con profondità 70 o 80 centimetri è un piano estremamente più funzionale rispetto alle cucine tradizionali. Si possono installare delle comode vasche sul fondo per scolare le posate attaccate direttamente alla scarico, non più appese o messe nei cestelli che alla fine o sgocciolano sul piano o devono essere svuotati dall’ acqua che vi si accumula. I cestelli per le posate dei piani cucina da 70 invece essendo dotati di uno scarico come quello del lavandino non hanno nessun tipo di problema. Il tostapane, il ceppo dei coltelli , le spezie, ora possono essere riposti sul fondo del top, senza disturbare le normali operazioni in cucina, senza la necessità di essere continuamente spostati.

 

 

 

Misura profondità cucina elemento importante: come varia la profondità dei pensili in una cucina su misura

 

La profondità dei pensili in una cucina su misura varia parimenti alla profondità delle basi. Con basi da 60 cm. la profondità standard varia dai 33 ai 35 cm.  La falegnameria di Creocasa propone però anche profondità di 40 cm. da abbinare a basi da 65. Per profondità maggiori è consigliato realizzare uno schienale tra piano e pensile, in maniera tale che questo vi si appoggi sopra scaricando il peso direttamente a terra.

 

 

cucina lineare con penisola

Progetto di una moderna cucina lineare con penisola frontale tra muro e pilastro

 

Non solo misura profondità cucina elemento importante, come stabilire le altezze di una cucina su misura:

 

Le vere cucine su misura Milano sono cucine realizzate anche in base all’altezza di chi le utilizzerà. Il piano di lavoro di una cucina per una persona alta 1,60 m sarà ovviamente più basso rispetto al piano di lavoro di una cucina per una persona alta 1,90 , ma esiste una regola per determinare l’altezza della cucina?

 


 

Misura profondità cucina elemento importante: la regola per stabilire l’altezza dei piani di lavoro delle cucine su misura Milano

 

La prova che bisogna fare è la seguente:  bisogna mettersi in piedi, schiena dritta, stendere le braccia e aprire le mani con le palme rivolte verso il basso. L’altezza delle palme sarà altezza del lavello; in questo modo non sarà necessario piegare la schiena per raggiungere i piatti sul fondo del lavello. Considerando poi l’altezza media dei lavelli di 17-18 cm è possibile stabilire l’altezza del piano di lavoro di una cucina realizzata veramente su misura. 

 


 

 

Dall’altezza del piano di lavoro dipendono poi tutte le altre misure, come la distanza tra il piano di lavoro e i pensili. Anche in questo caso l’altezza delle persone è di primaria importanza, poichè è perfettamente inutile avere tre mensole all’interno dei pensili se si riesce ad utilizzare comodamente solo quella più bassa. Per questo motivo la misura profondità cucina elemento importante!
La distanza standard è 50 cm., anche se negli ultimi anni sta aumentando fino ad arrivare a 55-60 cm. Ovviamente anche la profondità di basi e pensili influisce determinando l’altezza ideale.

 

cucina su misura milano

Le nostre cucine su misura Milano vengono costruite da noi in falegnameria a Milano

 

DA CREOCASA ABBIAMO TUTTE LE RISPOSTE ALLE VOSTRE ESIGENZE