Come arredare una cucina lunga e stretta?

Arredare una cucina lunga e stretta può costituire un problema ma anche una interessante sfida creativa. Bisognerà infatti pensare ad una ristrutturazione cucina che sfrutti al meglio ogni minimo spazio, dando un’aspetto spazioso e luminoso anche al vano più angusto. Vi sembra un’impresa superiore alle vostre forze? Noi di Creo Casa siamo a vostra disposizione per darvi una mano a ristrutturare una cucina lunga e stretta e ad arredarla al meglio. Prima però vediamo insieme qualche utile consiglio.

Che tipo di cucina scegliere per un ambiente lungo e stretto?

Per arredare una cucina lunga e stretta si possono scegliere diverse soluzioni che sfruttino al meglio lo spazio. Per fare la scelta giusta bisognerà tenere conto innanzitutto dello spazio e disposizione, ma anche dei componenti del nucleo famigliare, delle loro esigenze e delle loro abitudini. È infatti importante capire se si tratta di una famiglia abituata a mangiare insieme oppure di una coppia per la quale il momento del pasto è più “fluido”.

La scelta più semplice è costituita da una cucina lineare, che è posta su un solo lato della cucina e si sviluppa molto anche in verticale con pensili e mobili. In soli due metri di lunghezza o poco più sarà così possibile disporre tutti gli elementi più importanti, come gli elettrodomestici principali e una cassettiera. E per mangiare? Si può pensare ad un tavolo di dimensioni ridotte sul lato opposto, magari richiudibile, ribaltabile o fatto su misura. Anche le sedie potranno essere richiudibili per ottimizzare lo spazio quando non servono.

Se la vostra cucina stretta e lunga è però abbastanza spaziosa potete pensare anche ad una cucina con penisola o addirittura con isola. La penisola può essere una buona soluzione per mangiare in due, al massimo tre, e non dover mettere così il tavolo. Inoltre potrebbe dividere fisicamente la cucina dal soggiorno se si tratta di un unico ambiente.
L’isola è invece una soluzione adatta ad un ambiente veramente spazioso, seppure lungo e stretto. Potrà essere uno spazio in cui preparare i pasti e consumarli, ma solo per una coppia o al massimo una famiglia di tre persone. Tenete però conto, in fase di ristrutturazione della cucina, che se sceglierete questa opzione dovrete pensare ad una cappa aspirante funzionale.

Che tavolo scegliere per una cucina lunga e stretta?

Una volta scelta la tipologia di cucina che preferite o che meglio si adatta al vostro spazio, non vi resta che pensare al tavolo. Sarà un semplice piano d’appoggio oppure ospiterà i pasti di tutta la famiglia? Se siete in due oppure in tre, vi basterà un tavolino richiudibile, mentre se avete una famiglia più numerosa potreste pensare ad un tavolo che si sviluppa in lunghezza appoggiato contro il muro. Le sedute possono essere sedie richiudibili oppure sgabelli che occupano poco spazio, in modo da lasciare l’ambiente più libero possibile. In alternativa, se lo spazio è adatto, potreste pensare ad una panca.

Attenzione alla luce

La regola d’oro per far sembra gli spazi più grandi, compresa la vostra cucina lunga e stretta, è quella di valorizzare la luce naturale e di integrarla con luci artificiali disposte ad hoc. I vari punti luce dovranno essere prima di tutto funzionali, per permettervi di cucinare e mangiare senza problemi, ma anche saper valorizzare i punti di forza. Se dovete ristrutturare la cucina, tenete conto delle fonti di luce naturale che avete a disposizione e fatela diventare il punto focale dell’ambiente.

I colori per valorizzare una cucina lunga e stretta

Si sa, i colori chiari e luminosi aiutano ad allargare visivamente anche gli spazi più piccoli. Per non sbagliare potete puntare sul classico bianco, abbinando mobili dai colori chiari e neutri e, se vi piace, complementi e tocchi di colore più decisi, ma con parsimonia. Potete anche giocare con le sfumature di un’unica tonalità o con una gamma cromatica abbastanza ristretta, avendo sempre cura di evitare le tinte troppo scure.

La scelta del pavimento

Se state ristrutturando la cucina stretta e lunga della vostra abitazione, sarebbe il caso di fare una riflessione anche sul pavimento. Si tratta infatti di un elemento di grande impatto che, in una cucina non troppo grande, può fare davvero la differenza. I motivi geometrici aiuteranno a creare prospettive che “allargheranno” lo spazio, mentre una tinta unita di un colore intenso abbinato alle pareti darà maggiore profondità. A voi la scelta!

Mai perdere di vista la funzionalità

Quando si ristruttura una cucina non bisogna mai perdere di vista la funzionalità, nemmeno a favore dell’estetica. Innanzitutto bisogna inserire solo ciò che è veramente necessario e tenere a portata di mano gli utensili e gli elettrodomestici che si usano di più. Ciò che viene usato più di rado, invece, può essere riposto nei pensili più alti.

Potete considerare anche l’idea di inserire dei comodi piani estraibili, perfetti per sfruttare davvero ogni centimetro di spazio lavorando comodamente anche della cucina più piccola. Una volta chiusi, il loro ingombro sarà pari a zero o quasi.

Siete pronti a ristrutturare e arredare la vostra cucina lunga e stretta? Se avete bisogno di una mano potete rivolgervi a noi di Creo Casa!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.