Ristrutturazioni edili milano

Ristrutturazioni edili milano

 

Ristrutturazioni edili milano

Ristrutturazioni Edili Milano fatte con passione per migliorare la qualità della vita di tutti, completando passo, passo tutti i lavori neccessari ad avere un ottimo risultato.

Progettazione d’interni e studio dell’arredamento

Pratiche edilizie milano

Le ristrutturazioni edili MILANO sono un nostro punto di forza, perché, grazie alla nostra esperienza nel settore dell’arredamento e dell’ambientazione di interni, riusciamo, in fase di progettazione della ristrutturazioni edili  a suddividere gli spazi, degli appartamenti, dei negozi, delle cucine e dei bagni in modo assolutamente razionale per poter realizzare il successivo arredamento, affinchè non ci siano elementi che possano interferire negativamente nella disposizione dei mobili o limitarci nell’utilizzo di quegli elementi di servizio, anche per la manutenzione, che devono essere collocati in posizioni facilmente accessibile

 Ristrutturazione edile  a Milano

ristrutturazioni edili MILANO progettazione

una corretta progettazione rende l’ambiente più confortevole

collaborando con il progettista

Le ristrutturazioni edile milano è  il risultato di una attenta analisi degli spazi  e della successiva e attenta progettazione dei nostri architetti, che sono fonte inesauribile di idee per sviluppare  il progetto che soddisfi le esigenze  dei clienti, attenti al rispetto di tutte le normative conoscendo le norme di sicurezza per l’impianto elettrico e le sezioni dei fili che vanno utilizzati per le diverse utenze, con la protezione al quadro, con i relativi interruttori differenziali e magnetotermici.

laboratorio falegnameria milano

 

Conoscenza termotecnicaidraulica

Per la parte idraulica la disposizione degli scarichi che non debbono raccordarsi tra loro, ma debbono andare singolarmente alla braga per non avere eventuali reflussi nelle utenze più basse. Conosciamo le chilocalorie che sviluppano i vari radiatori, per cui vengono calcolati in funzione della esposizione,del grado di isolamento dei serramenti esterni, della relativa muratura e della volumetria dei singoli locali, in modo da non soffrire il freddo all’uscita dalla vasca.

 Adesività dei collanti e loro utilizzo

Conosciamo altresì il grado di elasticità e di adesività delle colle per posare i pavimenti e conosciamo pure i tempi d’uso delle colle, perchè alcune volte, se utilizzate troppo lentamente, formano una pellicola superficiale,che dà un incollaggio instabile, per cui a distanza di tempo, le piastrelle si staccano dal pavimento e dalle pareti,creando notevoli problemi. Insomma siamo a conoscenza di tutti quei piccoli trucchi dati dall’esperienza e dall’aggiornamento continuo sui materiali che si utilizzano all’interno delle ristrutturazioni edili milano.

Nelle ristrutturazioni edili milano bisogna risanare dall’umidità di

Ristrutturazioni Edili Milano umidità

Milano analisi del problema per la rcerca della soluzioneRistrutturazioni Edili

risalita

Nelle ristrutturazioni delle case d’epoca è sempre opportuno, negli appartamenti posti a piano terra di fare attenzione alla presenza dell‘umidità di risalita perchè se trascurata può dar luogo ad una serie di problemi igienici per la formazione delle muffe o il distacco delle piatrelle o dell’intonaco per l’aumento di volume dei sali, una perdita di isolamento termico per l’aumento in percentuale dell’umidità nei muri, questo problema è spesso sottovalutato da alcune persone, aumentando il disagio a distanza di tempo, per l’accumulo dell’umidità dei muri intonacati spingendola sempre più in alto con danni sempre crescenti.

Isolamento termico nelle ristrutturazioni edili milano

L’isolamento termico e acustico della casa sono importanti per il consumo energetico e per i rumori esterni, un buon isolamento termico fa comunque risparmiare nel consumo di carburante per produrre calore ed elimina eventuali problemi di condensa all’interno eliminando i ponti termici e riducendo notevolmente la diffusione del suono dando modo con piccoli dettagli di completare anche l’isolamento acustico.

 

Creocasa una risposta a tutte le tue esigenze

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi

pilastri in ferro sagomati da rivestire in legn laccato decape per esterno

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi, spesso si sottovaluta e si pensa erroneamente che riempire un pilastro a tubolare in ferro di isolante possa in qualche modo  eliminare i ponti termici  senza pensare che il ferro stesso determina il ponte termico per cui è neccessario isolare su tutto il perimetro esterno .

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi e creazione della nuova immagine

Dovevano rivestire i pilastri in acciaio con un materiale naturale che avesse proprietà di isolamento termico naturali per eliminare il sicuro effetto condensa che si sarebbe avuto mettendo i serramenti che avrebbero racchiuso l’ambiente creando due climi diversi tra quello interno riscaldato e quello esterno naturale per cui nel periodo autunno inverno avrebbe dato degli scompensi con i ponti termici, l’architetto conscio delle problematiche che si sarebbero create voleva trasformare il problema in una opportunità, risolvendo l’isolamento termico pilastri acciaio-architravi in calcestruzzo creando un’immagine risolutiva ed accattivante con una boiserie  da fare in falegnameria utilizzando il legno okumè per le sue caratteristiche di resistenza all’acqua, sia massello che multistrato dandogli un aspetto spazzolato evidenziando le venature del legno e successivamente colorandolo con un colore simile alla pavimentazione leggermente più scuro.

Isolamento termico pilastri acciaio-architravi A Opera (Milano)

Una delle dime in legno per poter realizzare il rivetimento dei pilastri

Creazione delle dime

Rivestire i diversi elementi con il legno può assimilarsi ad una speciale boiserie preparata in falegnameria che rivesta la struttura sottostante interponedo un isolante termico ad alta densità, il rivestimento esterno colorato si comporta come una boiserie dando una nuova immagine sia alla facciata che all’ambiente interno, le dime realizzate e provate sul posto servono per realizzare tutti gli elementi del rivestimento con la maggiore precisione possibile .

Eliminazione ponti termici secondari

A completare l’eliminazione dei ponti termici dobbiamo concentrarsi sulle soglie in pietra dove saranno appoggiati i serramenti di pvc e sarà da intervenire sul perimetro dei pilastri in ferro dove le soglie sono in aderenza al pilastro i ferro per cui è necessario distanziarle di almeno 2 cm ed inserire un isolante termico, poi è da notare che la soglia è unica e dovrebbero essere due distaccate di almeno cm 2 con inserito un isolante termico per separare le due parti .

 

Creocasa Milano una risposta a tutte le vostre esigenze

Cucine su misura milano

Cucine su misura milano

CUCINE SU MISURA .

CREO CASA MILANO :creo casa all’interno della propria falegnameria realizza veramente la vera: cucina su misura – MILANO sfruttando al cm tutti gli spazi  possibili senza interferire sulla bellezza delle cucine su misura Per chi desidera una cucina-su-misura, le soluzioni possibili sono molte, anche se è sempre necessario considerare aspetti positivi e negativi della scelta: importante prima di tutto decidere in che stile si desidera la propria cucina, quindi valutare le possibili opzioni in funzione dello spazio disponibile.

CUCINA SU MISURA artigianali od industriali?

Per realizzare una cucina su misura è possibile rivolgersi ad artigiani specializzati, oppure a mobilifici industriali, che sono in grado di aiutare il cliente tra una vasta gamma di offerte diverse.
Per essere definite tali, le cucine su misura devono essere progettate nei minimi dettagli, senza tralasciare alcun particolare, e tenendo conto di varie esigenze pratiche ed estetiche.
Non è necessario avere tutti gli elementi di dimensioni esatte, l’importante è che la progettazione globale corrisponda agli spazi disponibili.

Come realizzare la cucina su misura

Solitamente una cucina per essere definita su misura dev’essere un insieme completo di mobili ed altri elementi che vengono uniti tenendo conto degli spazi e delle necessità personali. Molto spesso è necessario provvedere al taglio o all’adattamento di mobili ed altri elementi che nella loro composizione standard non troverebbero spazio.

In alcuni casi le cucine prodotte industrialmente prevedono degli elementi modificabili ed adattabili, in modo da ottenere diverse misure finali. In questo caso si parla di cucine su misura, anche se impropriamente, perché la vera e propria cucina su misura è realizzata interamente da un falegname in maniera artigianale, anche se rimane qualche vincolo costruttivo, derivato ad esempio dalle dimensioni degli elettrodomestici.

Cucine su misura per Creocasa

I mobili per cucina che vengono prodotti in maniera artigianale, e quindi destinati alle cucine su misura, sono solitamente realizzati in legno massello o listellare. Solitamente alcuni  falegnami non realizzano tutte le parti della cucina, lasciando invece la produzione delle ante a terzi, per completare il tutto con l’assemblamento e la composizione , Creocasa invece realizza direttamente anche le sue ante che per designe unico e dimensioni caratterizzano le proprie cucine. Solitamente chi cerca una cucina-su-misura cerca anche componenti solidi e ben strutturati, quindi la robustezza dei materiali è fondamentale. In alcuni casi la realizzazione di una cucina su misura risulta più economica delle cucine industriali, soprattutto quando si scelgono componenti essenziali, senza seguire la moda o la ricerca del lusso e della perfezione,Creocasa comunque caratterizza le proprie cucine creando un designe particolare ed unico.

E’ importante comunque mantenere la cura dei dettagli, aspetto fondamentale per le cucine su misura.

Nella maggior parte dei casi l’idea della cucina personalizzata parte da uno stile classico o antico, anche se recentemente si stanno affermando anche i progetti di cucine su misura moderne, con un unico obiettivo, che è quello della soddisfazione del cliente.

Le cucine classiche realizzate con questo metodo sono sempre rivolte ad una solidità che duri nel tempo, senza dimenticare ogni singolo particolare, che risulta fondamentale per la riuscita dell’insieme. Molto utilizzato per questo tipo di cucine è il legno laccato, che permette di creare una composizione d’effetto, tenendo sempre conto dell’aspetto economico della realizzazione. I privati che si rivolgono ad artigiani specializzati hanno infatti l’opportunità di pensare la soluzione ideale anche per il loro budget, in modo da capire sin da subito quali siano le diverse opzioni disponibili. Per molte aziende artigianali con specializzazione nel settore è inoltre possibile effettuare preventivi online, con inserimento delle misure esatte desiderate, per avere una prima idea del progetto finale e del costo complessivo.

Cucina su misura in listellare di legno realizzata in nicchia ,con abbassamento soffitto ,accostata a stupendo tavolo in unica tavola di noce spessore 8 cm,con sedie in paglia di vienna.Creocasa milano

CreocasaMilano: una risposta atutte le tue esigenze

Pratiche edilizie milano: CILA, permessi di costruire, accatastamenti

Pratiche edilizie milano: CILA, permessi di costruire, accatastamenti

Pratiche edilizie a Milano

 

Sia che si voglia costruire ex novo un edificio sia che si voglia solamente ristrutturare un appartamento bisogna ricordarsi prima di cominciare i lavori di consegnare le pratiche edilizie necessarie presso gli uffici del comune di Milano. Le pratiche edilizie cambiano a seconda del tipo di lavoro che si intende effettuare, può essere utile quindi una panoramica dei moduli principali, in particolar modo se si vuole usufruire delle agevolazioni fiscali destinate alle opere edili e l’arredamento.

 

-La Comunicazione di Inizio Attività Libera (CILA) a Milano

 

È la pratica edilizia più diffusa in caso di manutenzione straordinaria, come viene definita tecnicamente la ristrutturazione

integrale di un appartamento.

La CILA venne introdotta nell’apparato della pubblica amministrazione con lo scopo di snellire e velocizzare i procedimenti necessari riguardanti gli interventi edilizi minori che non interessavano le parti strutturali dell’edificio, come pilastri, muri portanti e solette.

Sul sito di Milano è possibile scaricare due tipi di modelli aventi questo nome, la CILA di tipo zonale e la CILA SUE, ma in che cosa si differenziano?

Come si sa il comune di Milano è diviso in nove zone di decentramento, ciascuna con i propri distaccamenti e i propri uffici tecnici, in via Bernina poi c’è l’ufficio tecnico centrale.

Le CILA zonali sono gestite dagli uffici tecnici di zona, e lì vanno presentate e protocollate, queste riguardano le opere interne agli edifici senza intervenire sulla struttura o su parti visibili all’esterno.

Le CILA SUE comprendono invece tuti gli interventi visibili dall’esterno, quindi si distinguono dalle prime e vanno consegnate direttamente all’ufficio centrale in Via Bernina dove vengono gestite.

Per fare alcuni esempi pratici, se si vuole cambiare la distribuzione interna di un appartamento spostando qualche muro bisogna compilare il modello della CIAL zonale, se si vuole trasformare un lastrico solare in terrazzo quindi andando a modificare l’aspetto dell’edificio con dei parapetti e una nuova pavimentazione bisogna compilare il modulo della CILA SUE.

Se poi l’edificio rientra in un nucleo di antica formazione (NAF) e ha particolari limitazioni, alla pratica bisogna allegare una relazione paesaggistica nella quale il tecnico incaricato deve definire il grado di impatto che comporta l’intervento.

I costi per la presentazione di entrambi i modelli CILA sono nulli, il proprietario però si deve avvalere dei servizi di un tecnico per compilare la relazione asseverata e preparare gli elaborati tecnici.

 

-La Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) a Milano

 

La Segnalazione Certificata di Inizio Attività è un gradino sopra la CIAL perchè riguarda anche gli interventi in cui si deve intervenire sulla struttura, come per esempio aprire una scala interna, sostituire la struttura lignea di un tetto, aprire una finestra o una porta in un muro portante.

A seconda del grado di difficoltà dell’intervento il comune può richiedere una relazione strutturale da parte di un tecnico strutturista, incaricato di descrivere l’intervento con particolari costruttivi e dimensionare le armature necessarie.

Se le opere sono importanti può essere richiesta inoltre dal Comune una denuncia dei cementi armati da realizzare.

Per poter presentare la SCIA bisogna versare i diritti di segreteria alla tesoreria comunale e poi si è liberi di iniziare i lavori, è previsto però la figura di un direttore lavori a seguire le fasi del cantiere e nel caso in cantiere operi più di un’impresa la figura del coordinatore della sicurezza.

 

-Il Permesso Di Costruire (PDC)

 

Con il permesso di costruire l’ufficio tecnico del Comune autorizza espressamente l’intervento, non si tratta più quindi solo di una comunicazione o di una segnalazione da parte del tecnico incaricato. Il comune riceve le pratiche edilizie e gli elaborati e nel giro di 30 giorni dà i relativi permessi.

 

-L’accatastamento tramite DOCFA

 

In caso di una variazione sostanziale della distribuzione interna, cioè in caso di variazione del numero di vani o cambio della rendita, è prevista una comunicazione al catasto e il deposito di una nuova planimetria aggiornata.

In realtà, anche se i cambi non sono sostanziali, come la demolizione del muro di un ingresso o un disimpegno come frequentemente accade ristrutturando vecchi immobili, si ha l’obbligo di possedere una planimetria catastale aggiornata in caso di vendita di un immobile, o al contrario si ha il diritto di una planimetria rispondente allo stato di fatto in caso di acquisto.

Tutti i documenti e le pratiche edilizie elencate necessitano di una relazione firmata e timbrata da un professionista e da elaborati tecnici da presentare unitamente ai documenti identificativi agli uffici tecnici del comune di Milano.

 

 

Contattateci per un preventivo professionale!

pratiche edilizie

pratiche edilizie

pratiche edilizie2

moduli presentazione pratiche

pratiche edilizie decentramento

zone di intervento per pratiche edilizie

Progettare la cucina su misura in casa

Progettare la cucina su misura in casa

 Progettare la cucina su misura in casa

 

progettare la cucina su misura

angolo cucina riprogettato mantenendo i vecchi mobili con una nuova laccatura integrale

Come progettare la cucina su misura in casa  ?     E’ questo che tutte le persone si chiedono quando si deve realizzare una cucina in casa, le persone si chiedono come progettarla come renderla funzionale e sopratutto realizzare su misura per se stessi e non solo in funzione dell’ambiente : la prima cosa a cui si deve pensare è la comodità nello svolgere i propri lavori sul piano cucina.La cucina resta il luogo della casa, sulla quale la gente investe sempre di più.
Dev’essere bella, confortevole, a soprattutto pratica e funzionale.
Progettare la cucina richiede dunque, precisione.
Sin dagli anni’60, i progetti delle cucine ruotano attorno all’idea di TRIANGOLO DI LAVORO, laddove i tre angoli corrispondono alle tre zone dove si svolgono le attività principali di una cucina: lavello (o zona umida), frigorifero (o zona fredda) e blocco cottura (o zona calda). Il triangolo di lavoro stabilisce le distanza migliori tra questi punti, in modo da garantire efficienza e comodità

Come stabilire l’altezza del piano cucina

Progettare la cucina su misura per rendere il piano cucina coerente con una postura ergonomica,l’altezza del piano” senza essere costretti a incurvarsi durante i lavori in cucina e dare non luogo a fastidiosi, quanto dolorosi problemi alla colonna vertebrale, per poter stabilire l’altezza del piano, bisogna fare una piccola quanto semplice prova: mettersi davanti al lavabo cucina con le scarpe che si utilizzano solitamente in casa e toccare con il palmo della mano il fondo del lavabo senza piegarsi ,quella è altezza ottimale per il piano cucina.

 Come organizzare il piano di lavoro in cucina

Per progettare la cucina su misura bisogna organizzare La zona del piano cottura e del lavello  che devono essere facilmente lavabile e igienizzabile lasciando degli spazi tra i diversi elementi per renderla più fruibile.

Come scegliere la cappa cucina nel progettare la cucina su misura

La cappa deve essere efficiente per poter assorbire odori e fumi del ambiente cucina non deve essere puramente estetica. deve essere costruita in modo che sia facile mantenerla pulita e che dia la sensazione di ordine e pulizia basilare dove si prepara il cibo.Sia facile sosituire i filtri che  andrebbero cambiati o manutenzionati ogni  6 mesi per non far formare cattivi odori.

Progettare la cucina su misura bisogna farlo perchè si crede in ciò che si sta realizzando e non tanto per vendere, è importante fare i lavori per gli altri come a casa propria, credere in quello che si fà motiva per ottenere i migliori risultati