Porte scorrevoli, tante soluzioni per i tuoi ambienti

porte interne anticate

Le porte scorrevoli per interni sono una soluzione perfetta per chi ha spazi ristretti ma anche per chi non ama particolarmente le classiche porte a battente e predilige una visione più moderna del proprio spazio domestico. La gamma di finiture e materiali è davvero molto vasta, vediamo quindi come orientarci nella scelta.

Perchè scegliere le porte scorrevoli per la propria casa?

Il primo motivo è sicuramente dettato dallo spazio che si ha a propria disposizione. Le porte a battente, infatti, richiedono molto spazio per potersi aprire agevolmente e limitano quindi anche la disposizione dell’arredamento. Le porte scorrevoli, invece, consentono di risparmiare spazio e consentono anche di conferire una maggiore fluidità agli ambienti. Non solo: le porte scorrevoli sono anche un elemento decorativo per la propria casa. E’ proprio per questo motivo che sono disponibili in una vasta gamma di materiali e finiture, che daranno all’intero ambiente un look completamente diverso.

Il tipo di scorrimento delle porte

E’ una delle prime scelte da fare quando si decide di installare nella propria casa delle porte scorrevoli. Le possibilità sono principalmente due:

  • porte scorrevoli esterne al muro;
  • porte scorrevoli a scomparsa.

Entrambe le tipologie hanno dei pro e dei contro. Le porte scorrevoli esterne al muro sono caratterizzate da una semplice anta e da un binario su cui farla scorrere. Sono molto facili da installare, dal momento che non richiedono nessun lavoro murario perchè l’infisso non scorre all’interno del muro, e l’intervento richiede in genere poco tempo. Si possono scegliere diverse tipologie di apertura: a battente, a libro o filomuro, in modo che la porta si adatti esattamente allo spazio a disposizione e alle nostre esigenze.

L’installazione di una porta a scomparsa, invece, richiede un piccolo lavoro edile per installare il controtelaio all’interno della muratura che permette alla porta di scorrere al suo interno. In questo caso l’apertura può essere solo a scorrimento, però questa soluzione consente di liberare anche la parete esterna, con un maggiore risparmio di spazio.

Porte scorrevoli: parliamo di materiali

E veniamo al materiale in cui è fatta la nostra porta scorrevole. Come per gli altri infissi, anche questa tipologia di porta può essere in legno, in pvc o in vetro. Vediamone le diverse caratteristiche:

  • porte scorrevoli in legno: sono una delle scelte più classiche e anche la più gettonata. Si possono realizzare con diverse tipologie di legno e di laccatura per adattarsi perfettamente allo stile dell’abitazione e ai suoi colori principali. Guardate quante soluzioni possiamo proporvi noi di Creo Casa!
  • porte scorrevoli in pvc: si tratta nella maggior parte dei casi di una alternativa pratica ed economica, che è possibile sfruttare, ad esempio, anche per bagni e cabine armadio. Si possono scegliere in diversi colori per adattarle allo stile della casa o per dare un tocco di originalità all’ambiente;
  • porte scorrevoli in vetro: è una soluzione moto elegante, ma in genere è anche la più costosa. E’ possibile scegliere diverse tipologie di vetro, di finiture e di colori; è persino possibile sceglierle con incisioni, decorazioni particolari o disegni colorati. Grazie a queste porte si possono creare trasparenze e giochi di luce particolari, rendendo la porta un vero e proprio elemento di arredo capace di caratterizzare un ambiente.

Come installare una porta scorrevole?

Anche in questo caso bisogna distinguere tra le due tipologie di porte, a scomparsa oppure esterne alla parete. In genere la struttura di una porta scorrevole esterna al muro è molto semplice. Si tratta di un’anta e di un telaio sul quale possa muoversi. Questo tipo di intervento è quindi molto rapido e non richiede particolari competenze, tanto che chi ha un po’ di manualità e di dimestichezza con il fai da te può pensare di installarla da solo. A questo proposito ci sono in vendita anche kit pensati appositamente per permettere un montaggio agevolato, anche se rivolgersi ad un professionista che faccia un lavoro a regola d’arte e duraturo nel tempo è sempre la soluzione migliore.

Diverso il discorso delle porte a scomparsa: in questo caso i lavori sono più complessi e potrebbero richiedere anche diversi giorni. E’ infatti necessario un vero e proprio intervento sulla parete per installare un controtelaio, ovvero una struttura metallica inserita all’interno del muro che permette alla porta di scorrere e di scomparire all’interno della parete stessa.

I lavori devono essere eseguiti da un professionista in grado di valutare la condizioni della parete, di assicurarsi che al suo interno non passino tubi o cavi elettrici e di eseguire un lavoro ben fatto, che garantisca un risultato di qualità. In questo modo sarete pronti a godervi la praticità e la bellezza della vostra porta scorrevole per molto, molto tempo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • info@example.com
  • 6701 Democracy Blvd, Suite 300, USA