luci led nell’arredamento milano

luci led nell’arredamento milano

Luci led nell’arredamento

Le luci led nell’arredamento moderno sono sicuramente una di quelle scelte importanti.  Le luci infine  sottolineano il design minimalista e pulito di questo nuovo millennio.  Le strutture in alluminio si stanno facendo strada grazie  alla facilita d’uso, di lavorabilità. L’evidenziazione delle strutture d’alluminio con le luci led, non ultima la possibilità di un riciclo quasi infinito.

 

L’arredamento moderno le luci led

 

 

 Grazie alle alle diverse forme e dimensioni, le luci led nell’arredamento moderno sono in espansione. Le luci led  si adattano facilmente ad ogni situazione senza per questo prendere volume. Molto utili sopra i piani cucina per illuminare la zona elettrodomestici. Sottolineano le forme del design dei diversi mobili della casa,  la luce led nel arredamento moderno. Diversi elementi e i particolari più significativi dei mobili sono sottolineati dalla  luce led nel arredamento, senza per questo essere l’elemento principale. Le luci led nell’arredamento sono sopratutto caratterizzate dalle strisce led e dalla loro componentistica, che non è da banalizzare vista la diffusa proposta anche nei grossi commerciali.

 

Le caratteristiche delle luci a secondo l’applicazione

 

Ogni striscia delle luci led nell’arredamento, ha delle precise caratteristiche per soddisfare  le diverse esigenze d’applicazione. Ci sono strisce di diverse dimensioni e con un contenuto di punti led che possono aumentare per dare una maggiore intensità e continuità alla  luce. Ci sono contenitori in alluminio che funzionano anche come dissipatori di calore per le strisce led.  Luci led estremamente ridotte che in funzione della protezione in policarbonato eliminano completamenti l’effetto puntiforme ( luna park)

 Le caratteristiche delle luci a secondo l’applicazione

 

Ogni striscia delle luci led nell’arredamento, ha delle precise caratteristiche. Per soddisfare  le diverse esigenze d’applicazione, ci sono strisce di diverse dimensioni.  Il contenuto di punti led che possono aumentare per dare una maggiore intensità e continuità alla  luce. Ci sono contenitori in alluminio che funzionano anche come dissipatori di calore per le strisce led.  Luci led estremamente ridotte che in funzione della protezione in policarbonato eliminano completamenti l’effetto puntiforme ( luna park).

 

 

 

 

 

Con le luci led nell’arredamento puoi avere anche la cromoterapia

 

 La cromoterapia con le luci led nell’arredamento può essere consentita. Le luci opportunamente corredate variano in fine il colore finale. La luce a secondo della colorazione influenzano la psiche:  verde ha un effetto calmante, il violetto induce alla riflessione, il rosso eccita ecct… Gli effetti dei colori a detta dei cultori di questa pratica  sono molteplici.  Con le luci led utilizzando un quadro comando particolare si possono dare le diverse colorazioni cromatiche in modo costante.  Tutto ciò permette colori diversi di luce nei diversi ambienti dandogli atmosfere diverse.

La cromologia

 

L’uso della cromoterapia, non si deve confondere con la Cromologia (tratto da wikipedia)”Il termine “cromologia” è originato da “cromo” e “logos”, discorso (inteso anche come studio, descrizione, analisi). Questa disciplina sul colore è utilizzata in modo eterogeneo da  operatori che si occupano di settori relativi alla “psicologia del colore”. Uno studio approfondito del simbolismo psicologico del colore ( forma geometrica sintonica al colore) è stato eseguito dallo psicologo svizzero Max Lüscher ed è attinente alla Teoria dei colori di Johann Wolfgang von Goethe.”

 

 

Creocasa milano una risposta a tutte le vostre esigenze

Armadi ad angolo Milano Armadi Moderni Design Mobili ad Angolo

Armadi ad angolo Milano Armadi Moderni Design Mobili ad Angolo

Armadi ad angolo Milano

Armadi ad angolo milano,  con porta a scorrere è uno come quello  che la signora Manuela con suo marito volevano realizzare.  Con la nostra falegnameria a Milano ed un progetto adeguato. L’armadio ad angolo milano potrà reaizzarsi per la camera del bimbo che gli arriverà a breve a completare la loro storia d’amore .Loro per quella camera volevano realizzare un armadio che racchiudesse in sè tutti quei servizi per soddisfare tutte le loro necessità e completare l’arredamento della cameretta.

Per realizzare la soluzione: un buon progetto e la falegnameria 

porta a scorrere

armadio ad angolo con porta a scorrere e cassettiera settimanale a vista

Nel realizzare il loro armadio ad angolo dovevamo anche fare un ponte sopra la porta che doveva essere trasformata in porta a scorrere senza opere murarie, per cui a fianco dell’armadio ad angolo a ponte verrà lasciato uno spazio che accoglierà la porta a scorrere e si fonderà con l’arredamento creato dall’armadio ad angolo con porta a scorrere. La soluzione dell’armadio ad angolo può proseguire anche con una cucina su misura. Quando gli spazi sono limitati è necessario utilizzare anche mobili che svolgano più funzioni nello stesso ambiente. Una funzione molto evidente è data dai copri caloriferi a più funzioni. Per tutte le soluzione che ti possano servire contattaci senza problemi.

Armadi ad angolo milano con cabina

armadio ad angolo milano

armadio ad angolo con cabina armadio in legno di rovere spazzolato e successivamente laccato lucido

Di armadi ad angolo milano ce ne sono di diverse varianti, come. L’Armadio ad angolo con cabina, spazzolato lucido era stata questa la scelta finale di Paolo e della sua compagna per la realizzazione di un armadio su misura nella sua camera .

Il passa parola funziona

 

Ci aveva messo in contatto un comune conoscente per realizzargli un armadio ad angolo con cabina che gli coprisse una rientranza del muro perimetrale. Dovevamo mantenere un modulo di larghezza per le ante battenti a tutta altezza.  Gli avevo fatto un primo preventivo verbale mesi prima ,ma lui aveva bisogno di valutare bene le soluzione. La divisione interna e la finitura dell’armadio ad angolo con cabinaVoleva una finitura moderna ,ma non invasiva, qualcosa di unico ,semplice ed elegante nello stesso tempo. All’inizio aveva optato per una finitura lucida liscia spazzolata , ma in quel periodo stavo facendo un armadio spazzolato opaco. Gli era piaciuto l’effetto del rovere spazzolato, Paolo voleva un mobile in legno e che si capisse che il materiale utilizzato era legno

armadi ad angolo milano in studio

armadio ad angolo con libreria laccato bianco in legno

Armadi ad angolo armadi-ad-angolo-milano con libreria in listellare legno

cucine su misura

 

mobili su misura

 

librerie - pareti attrezzate

 

Armadio con passerella e ringhiera

Armadio con passerella e ringhiera

Armadio con passerella e ringhiera. Armadio con passerella, una settimana fa per la Signora Angela che ha un box/laboratorio stupendo, alto circa quattro metri. La signora ci ha chiesto di risolverle il problema dell'arredamento creando dei mobili nella nostra...

Armadio sospeso realizzato profondità 50cm  su misura

Armadio sospeso realizzato profondità 50cm su misura

Armadio sospeso realizzato profondità 50cm  su misura Armadio sospeso realizzato profondità 50 cm  su misura. Tale armadio guardaroba doveva avere una profondità ridotta per rispondere alle necessità di ingombro di un ingegnere. Solitamente quando si parla...

L’organizzazione dello spazio è fondamentale, specie per gli ambienti piccoli e costretti.

Grazie alla loro modulabilità e alla enorme possibilità di composizione, gli armadi angolo sono l’ideale da inserire in ogni tipo di ambiente, dalle camere da letto, alle camerette, dalle camere guardaroba ai saloni.

Summary
Armadi ad angolo Milano
Article Name
Armadi ad angolo Milano
Description
armadi ad angolo milano, Creocasa ti assiste realizzando i tuoi mobili, con un accurato progetto in falegnameria a Milano dandoti la giusta soluzione in legno.
Author
creocasa
Armadio con ante a scorrere in legno extralarge

Armadio con ante a scorrere in legno extralarge

Armadio con ante a scorrere in legno extra large

Armadio con ante a scorrere in legno extra-large, per l’armadio da ml  3,62 x 2,80 h da realizzare in falegnameria. Desideravano solo

Ante in legno maxi a scorrere

montaggio maxi anta in legno in falegnameria a Opera (Mi)

due ante di 1,70 x 2,80 in rovere spazzolato, laccato e decapato che dovevano essere portate al ottavo piano.  Vista la dimensione era estremamente difficoltoso  entrarlo dalle finestre perché la movimentazione con l’ingombro diventava critica.  Per gestirla occorrevano almeno 4 persone , senza un efficace controllo della situazione per cui in un primo tempo avevo escluso la possibilità di realizzazione dell’armadio con ante a scorrere in legno extra-large. Dovevamo ridurre la dimensione delle ante armadio a scorrere a 95 di larghezza , ma aumentandone il numero a 4.

 

 

Ricerca della soluzione a tutti i costi

Non c’era niente da fare , ma nella testa mi frullava l’idea che dovevo in qualunque caso realizzare le ante  per soddisfare i miei clienti .  Potergli realizzare comunque l’armadio con ante a scorrere in legno extra-large.  In effetti tale soluzione dal punto dell’impatto visivo davano una notevole immagine. Realizzare in falegnameria a Opera(MILANO)  le ante era comunque un soluzione nuova.

 

 

La soddisfazione del cliente è il nostro obbiettivo

 

armadio con ante a scorrere fuori misura

armadio con ante fuori misura in tamburato

La risposta all’esigenza del cliente fù di realizzarle in due pezzi smontabili in falegnameria. Da montare successivamente nell’appartamento, e quando gli  comunichiamo al cliente che comunque potevamo realizzare l’armadi come desiderava la sua prima risposta fu un sorriso. Raggiungendo il nostro obbiettivo con la soluzione. La nostra migliore pubblicità e la soddisfazione dei  nostri clienti e cercando di risolvere in falegnameria i loro problemi d’arredamento e cosi con il passa parola si lavora.

 

 

Ante extra large smontabili

 

Realizzando due ante separate, ma assemblabili  in falegnameria abbiamo reso possibile il trasporto potendole portare all’ottavo piano in tutta tranquillità senza problemi di dimensione per poi montarle dando immagine finale della dimensione dell’anta extra-large continua.

 

 

 

 

 

 

Creocasa milano una risposta a tutte le vostre esigenze

Parete armadio in corridoio inglobando lo sgabuzzino

Parete armadio in corridoio inglobando lo sgabuzzino

Parete armadio in corridoio inglobando lo sgabuzzino

La parete armadio in corridoio inglobando lo sgabuzzino, è per Creocasa un nuovo lavoro in cui dare la giusta risposta

 parete armadio in corridoio inglobando lo sgabuzzino

pianta in scala 1:1 per la realizzazione di locali irregolari seguendo il disegno tracciato per una maggior fedeltà delle proporzioni

all’arredamento organico di un disimpegno davanti alla camera-bagno.  In questo corridoio le profondità sono variabili e vanno da 197cm a 167 cm fino ad  280 cm dove c’è la nicchia di vecchio sgabuzzino.  Con il nostro interior designer abbiamo

deciso di creare un corridoio con una profondità costante di 130 cm che comunque per un corridoio e una misura apprezzabile. Creando la parete armadio in corridoio, in questo modo con un unica linea della parete con delle ante laccate bianche che  sarebbero risultate meno invadenti.  Questo possiamo anche permettercelo  grazie alla nostra falegnameria interna dove realizziamo i nostri mobili su misura.  In laboratorio poi disegniamo a terra in scala 1 : 1 la pianta dell’ambiente da arredare per la  parete armadio in corridoio , dove distribuiamo i singoli mobili tra cui le scarpiere  cucendoglieli  letteralmente addosso come un sarto fa per il suo stilista.

parete armadio in corridoio anche lavanderia

Creare un unica linea rende l’ambiente più lineare

La  parete armadio in corridoio inglobando lo sgabuzzino, diventava realtà visto che il disimpegno davanti al bagno è molto largo.  Mettere la lavatrice nel bagno ne avrebbe impegnato una parte ed avrebbe comunque diminuito l’immagine dello stesso. Con la  parete armadio in corridoio il disimpegno davanti al bagno poteva quindi avere una funzione di alleggerimento funzionale creando di fatto la lavanderia all’interno dell’armadio profondo 75 cm x 130 h 290 con un ampio piano di appoggio per stirare.  Proseguendo davanti al pilastro con un’ anta in linea a creare una colonna per scarpiera h 290 cm x 31 cm profondità x 41 cm di larghezza. Per poi mantenere l’allineamento della parete davanti allo sgabuzzino ne abbiamo aumentato la profondità ricavando al suo interno l’appenderia doppia stagione x 2 ml di sviluppo complessivo, con delle ampie   mensole di  1 ml ogni 40 cm per h 290 cm rendendola per cui una vera e propria cabina armadio. Tutto ciò grazie alla nostra falegnameria dove realizziamo i nostri mobili su misura. , abbiamo creato la  parete armadio in corridoio.

 

Da creocasa milano sempre una risposta a tutte le vostre esigenze

mobile bagno con anta a scorrere

mobile bagno con anta a scorrere

Mobile bagno con anta a scorrere

Mobile bagno con anta a scorrere, detto così sembra uno dei tanti lavori realizzati . Dobbiamo soffermarci su questo mobile in particolare dove l’anta a scorrere è sopra il piano di lavoro e il lavello è in appoggio. Spesso in presenza di un lavello in appoggio, l’apertura di eventuali ante risulta impossibile, se non sopra la maggior quota del lavello presente. Voler fare una colonna larga 110 cm ad angolo con la base lavello, qualche problema ce lo pone. Tale situazione fa emergere la necessità di un mobile bagno con anta a scorrere. Con la falegnameria realizzeremo questo mobile bagno dai molteplici aspetti in legno marino. Dare spazio per le nostre esigenze di riporre Scarpe, carta igienica, asciugamani sono una delle nostre maggiori priorità.   Qua la precedenza di realizzare un colonna, un mobile bagno con anta a scorrere e battente,  che aumenti la capacità di capienza.

 

mobile bagno con anta a scorrere e battente

mobile bagno in multi strato marino,con base lavello con due cassetti e un cestone con lavello soprapiano, con colonna ad angolo 110 x 37 x 224 cm con doppio sistema di apertura a scorrere e battente ottimizzando il contenimento

 

Il mobile bagno con anta a scorrere e battente, non solo contenitivo!

mobile bagno con anta scorrere sul piano

aprirla sul piano non è possibile data la presenza del lavabo d’appoggio di qua la soluzione

 

 

Il mobile non deve soddisfare solo la capacità di contenere, ma deve anche apparire essere bello ed equilibrato. Il design di questo arredamento per il bagno deve essere creativo e le sue linee pulite fondersi con l’ambiente circostante. Creocasa all’interno della propria falegnameria realizza alcuni mobili in cui l’attenzione per quello su cui si sta lavorando è la base.  Il carattere del mobile da Creocasa è dato dal idea di partenza, che  determina un design nuovo, dato dalla ricerca e dalla funzionalità. Quella funzionalità che solo una falegnameria artigiana può realizzare, curando  l’arredamento pezzo per pezzo con un controllo minuzioso della qualità finale.

 

 

 

La cura del dettaglio fa funzionare il mobile bagno con anta a scorrere

mobile bagno con anta a scorrere a destra

un mobile bagno che sorprende chi lo utilizza che con l’anta a scorrere trova nuovi altimenti inutilizzati

 

 

Per utilizzare lo spazio sopra piano bisognava trovare una di quelle  idee ovvie e di buon senso che possono anche sembrare banali . Queste idee Invece sono frutto di esperienza e di una certa genialità nascosta che salta fuori quando uno meno se la aspetta.

 

Per risolvere con le ante a scorrere

 

Solitamente le ante a scorrere sono due, ma in questo caso l’anta è unica parte a 80 cm da terra scorrendo davanti ad un’anta battente. Anta battente che permette l’accesso alla parte bassa della colonna con anta scorrevole che è cieca e solo così è accessibile ed utilizzabile. il piani di lavoro de mobile bagno sono in gres porcellanato, un materiale dalle caratteristiche sorprendenti.

 

 

Creocasa Milano una risposta a tutte le vostre esigenze

Progettare l’arredamento della casa prima?

Progettare l’arredamento della casa prima?

Progettare l’arredamento della casa come cliente

Progettare l’arredamento della casa prima, è una domanda da porci prima di iniziare ad arredare.
O arredare piano piano..senza avere un progetto finale.
Io opterei per la prima, progetterei  l’arredamento della casa prima, cosi da poter studiare la soluzione migliore.
Se non posso permettermi di fare tutto subito ho un progetto a cui posso fare riferimento per comprare gradatamente.
In questo modo studiando la pianta della nostra casa possiamo rendere reale ciò che sogniamo sulla carta.
Studiando gli spazi per renderla funzionale, con i colori per darle luce , i materiali per personalizzarla e darle carattere e soddisfare l’estetica. 
Avendo poco spazio nella camera matrimoniale. La soluzione fantastica per me sarebbe un letto con dei cassettoni ampi dove poter riporre la biancheria.
Un armadio studiato sulle pareti della camera per poter abbracciare ogni centimetro che posso sfruttare.  Magari creare anche una sorta di cabina armadio sull’angolo della parete da usare come ripostiglio.
Un ampio comò e una piccola consolle che a noi donne è sempre utile con un bello specchio.
La cucina è il fulcro della casa, e un progetto dell’arredamento della cucina è doveroso per dare carattere a tutta la casa.
Come anche la sala dove si passa molto tempo in famiglia va studiata doverosamente prima, perché sapremo già su cosa indirizzare i nostri acquisti.
Avere “tanto spazio in poco spazio” puoi ! Progettando l’arredamento della casa prima!
 

Progettare l’arredamento della casa consigli delle aziende

 

Progettare l’arredamento della casa prima potrebbe sembrare per molti un atto un pò prematuro. specialmente quando non lo si può affrontare. Non significa per forza di acquistarlo: progettare l’arredamento della casa prima. Ci sono aziende come Creocasa che un primo schizzo progettuale te lo danno gratis. Quando si trasloca dalla casa in una più grande o definitiva, è utile fare un inventario con le singole misure. Valutare il vecchio ed i mobili nuovi in base alle reali esigenze obiettivamente. Rivolgersi ad un interior designer, ad un progettista è sicuramente la scelta migliore, per arredare la casa senza commettere errori.

 

L’esperienza semplifica i progetti e trova soluzioni

 

Quando una persona ha affrontato molti arredamenti e risolto le diverse problematiche da le soluzioni con più facilità. Situazioni che per un non esperto risultano difficili diventano ovvie, lasciando spazio alla creatività. Elaborare un progetto non è solo un problema di creatività, ma anche di esperienze accumulate. progettare con chi è abituato a trovare soluzioni nuove e creative non ai soliti cliché industriali è un ulteriore arricchimento. Arricchimento che si conferma attraverso le opere realizzate ed inventate in falegnameria

Progettare l'arredamento della casa disegno preliminare

disegno di insieme arredamento mansarda, progetto preliminare

 

Cosa si deve fare quando dobbiamo trasformare la casa

 

Scegliere l‘architetto che faccia la pratica da presentare in comune per evitare eventuali multe.

 

Gli architetti a confronto per un miglior risultato

 

Realizzare il giusto progetto con l’architetto esperto o meglio con uno studio associato. La suddivisione della casa è già la chiave di svolta per utilizzare tutti gli spazi in modo armonioso. Creocasa conscia che solo attraverso il confronto delle idee, ha al proprio interno due figure diverse. Tali figure che attraverso una dialettica serrata pongono al centro il risultato finale. La nostra equipe è a disposizione di tutti i nostri clienti per uno studio preliminare.  Quando stai acquistando casa in costruzione o devi ristrutturare sai a chi rivolgerti.

 

 Spesso l’emolumento dell’architetto ci svia dall’obbiettivo finale

 

Quando ci si trova di fronte all’enigma di trovare l’architetto giusto per essere seguiti nella suddivisione della casa, uno degli elementi fuorvianti per scegliere è data dal prezzo della prestazione per poi magari pentirsi per tutta la vita. La pura presentazione di una pratica edilizia in comune senza uno studio adeguato in tutti i suoi risvolti ha comunque un costo contenuto. Creocasa assistita dalla sua quarantennale esperienza nel settore dell’arredamento e della casa, si mette a vostra disposizione con i nostri architetti per la realizzazione di un progetto complessivo e risolutivo della vostra casa.

 Le cucine elemento centrale nell’organizzazione della casa.

Bisogna scegliere e la maggior parte delle persone considerando la zona cucina l’elemento centrale della casa; dove l’impianto elettrico è più complesso per la  concentrazione di punti luce per gli elettrodomestici; a cui la nostra società tecnologica ci ha abituato ad utilizzarli e di cui ora non possiamo farne a meno. Alla cucina in casa dobbiamo prestare più attenzione nella sua disposizione perché è  quà che si svolge la massima attività lavorativa. In questo locale della casa dobbiamo concentrare le nostre attenzioni e costruendo una cucina su misura in falegnameria ne risolveremo una buona parte.

 

Creocasamilano una risposta tutte le vostre esigenze

 

la cucina perfetta

la cucina perfetta

 La cucina perfetta

La Cucina perfetta” c’è  per ogni persona , chi la desidera laccata,opaca,classica,moderna.  Perché c’è una soluzione per ogni idea e capriccio.  Per piccola che sia ,la cucina nelle nostre case è uno spazio unico e irrinunciabile. La Cucina unica” è quella che soddisfa sia gli occhi che la funzionalità e che sia costruita per sfruttare al meglio ogni spazio. Nella cucina possiamo organizzare ogni cosa al punto giusto per facilitarci il lavoro nella preparazione del cibo. 

 

La scelta dei materiali è importante.

 

Importantissima la scelta dei materiali che infine ci garantiscono una buona durata nel tempo. Dal top all’anta, il cassettone, il cassetto sono tutte scelte perché daranno carattere alla nostra cucina e ci aiuteranno a creare la nostra “cucina ideale”.
L’importante è sapere che c’è una cucina perfetta per ogni superficie, piccola o grande. Per questo è importante studiare gli spazi e sfruttarne ogni cm, e pur avendo una zona ridotta potremo avere la nostra “cucina perfetta”.
In conclusione studiate un progetto personalizzato create voi la vostra, cucina date sfogo alle vostre idee. Poi  le renderete reali insieme,quello che non trovi sui cataloghi creandola in falegnameria da Creocasa.
Tutto ciò per introdurvi che sono disperata per la mia cucina, ha subito più traslochi e quest ultima volta non ne è uscita bene.
Non avendo idee e tempo in quel momento è stata messa alla meno peggio ed oggi ne sono stufa.
 
 
la cucina perfetta prossima soluzione

la cucina esistente ,trasportata avanti ed indietro nei vari trasporti

La semplicità ed il saper utilizzare gli svantaggi a proprio favore dà il risultato migliore

 
Vorrei cercare una soluzione per ridarmi una vera cucina perfetta. Così ho studiato delle soluzioni poiché ho delle restrizioni.Una è l’apertura della porta che apre sul lato della cucina per il quale avevo pensato di mettere dei binari esterni per far scorrere la porta lateralmente alla futura cucina in modo da poter sfruttare la parete in tutta la sua lunghezza di 4 metri. Dopo di che inserire anche il frigorifero cosa che in questo momento è frontalmente alla cucina rubando spazio a tavolo e sedie.
 
 

Lo scaldabagno da spostare

 

Il secondo problema è lo scaldabagno che essendo centrale al lavandino odierno lo sposterei  a filo muro  sulla  sinistra della mia cucina. Così successivamente nasconderei con un eventuale pensile lo scaldabagno. Sostituirei la vaschetta del lavello sostituendo le due vaschette con una unica, ma più ampia  per poter mettere sopra in linea l’eventuale pensile con scolapiatti dato che ora ho lo scaldabagno che mi impedisce di farlo.
 
ultima versione cucina perfetta

pianta e fronte nuova disposizione per ottimizzare gli spazi

 

 

Colori più chiari per illuminarla

 

 
Cambiare il colore della mia cucina  con un colore più chiaro per renderla più luminosa e  cambierei il top con un bel rivestimento in gres porcellanato in contrasto con il colore della cucina magari con un top in legno rivestito con gres porcellanato antracite per dargli un po di carattere, io sono già al lavoro per avere la cucina perfetta voi cosa aspettate cominciate a studiare la vostra cucina perfetta con Creocasa.
MI hanno messo giù uno schizzo con la nuova soluzione facendo le basi profonde 65 cm in questo modo la lavastoviglie sarà finalmente sotto il piano. Mi sarei aspettata un botto come costo, ma in laminato idrofugo riutilizzando i miei elettro domestici con piano e fondo in in gres-porcellanato con  la modifica della porta e lo zoccolo a cassetti 6.800 Euro. Altro prezzo tutta in legno laccata quasi 10.000 euro. Dovrò pensarci bene, dobbiamo guardare anche le finanze, facendo attenzione, in laminato può durare  anche 30 anni, chiaramente in legno è tutta un altra cosa la cucina perfetta!
 
 
 
Cucina in nicchia profonda 84cm con angolo

Cucina in nicchia profonda 84cm con angolo

Cucina in nicchia profonda 84cm con angolo

Cucina in nicchia profonda 84 cm con angolo, Creo Casa Milano perché non soddisfatta del progetto proposto cerca la soluzione. La soluzione realizzata in falegnameria che  però soddisfi i desideri del cliente, é questo  il maggior obbiettivo per Creocasa. La stanza cucina è 3,10 x 4.60, con un corpo avanzato di 1,30 x 0,84  per cui  crea una nicchia di 3,30 x 84 in cui inserire la cucina. Aver inserito la cucina in nicchia perché si completi pone alcuni interrogativi. Non c’è spazio per il frigorifero ed una zona dispensa nella nicchia perché si ridurrebbe il piano di lavoro. Bisogna proporre delle soluzioni tenendo conto degli spazi, dei costi, del tavolo cucina e di un piccolo spazio TV.

Il perchè delle diverse soluzioni della cucina in nicchia

 

cucina in nicchia

cucina in nicchia soluzione
n 1 con dispensa dietro la porta

 

La prima soluzione in fase di stesura del primo progetto complessivo con la disposizione interna del locale cucina, prevedeva una zona dispensa ortogonale al di fuori della nicchia. Tale soluzione lasciava però la zona dispensa in castigo dietro la porta, rendendo difficile l’accesso alla credenza o dispensa. Quindi sarebbe stato opportuno rendere la porta scorrevole dentro il muro senza invadere alcun spazio. Questa soluzione avrebbe comunque comportato nuovi costi e demolizioni che comunque si volevano evitare.

 

 

La scelta è di fare una cucina su misura in nicchia

 

Fare una cucina in nicchia su misura  in falegnameria ci dà la soluzione, che dà continuità ai mobili da realizzare, mantenendo la porta attuale. Innanzitutto la cucina per equilibrare lo spazio in nicchia avrà la profondità di 75/80 cm. La zona dispensa sarà in parallelo alla nicchia con due lati a vista affinché la cucina in nicchia  non abbia interruzioni. Tale prolungamento comprenderà anche il frigorifero a posizionamento libero della lieberr e darà la possibilità di aumentare la mensola ad elle . Tale prolungamento ci consentirà di porre il televisore ad un altezza di circa 1 ml  perché migliora la visuale .

cucina in nicchia modulare

Con la colonna forno dispensa, frigorifero da realizzare in falegnameria con due facce ad angolo diamo una diversa immagine alla cucina

Cucina con curva nell’angolo

Cucina con curva nell’angolo

 Cucina con curva nell’angolo

cucina con curva in angolo a 90°

cucina con angolo con curva realizzata su misura in legno marino

Cucina con curva nell’angolo parete, chissà quante volte vi è capitato la difficoltà. L’ambiente con curva implica una serie di considerazioni al fine di inserire gli elettrodomestici.  Pensare ad una soluzione per introdurre un mobile che appoggiato alla parete segua la curva della stessa. Abbandonare poi l’idea perché vi sembrava un lavoro impossibile. Infine quando in falegnameria non ci sono semplici falegnami, ma  esperti si può  realizzare quello che ci si prefigge:” anche mobili in cucina con curva”.   Arredi che si appoggiano a pareti in curva con gli sportelli o cassetti in curva.  Oppure realizzare mobili con  più curve a seguire verso l’esterno, nella nostra falegnameria seguendo le dime preparate a secondo della curva voluta si realizzano.

 

Come realizzare la dima per seguire la curva della parete

 

Per realizzare la dima e seguire la forma della parete bisogna farla mano a mano. Con foglio di compensato tangenziale alla parete con le distanze uguali sui lati. Si parte dal centro del compensato e si fanno le distanze, prima dal centro della parete, si porta la misura della distanza sui lati. Ogni 5 cm si fanno le varie distanze a creare in modo puntiforme la curva della parete stessa. Infine quindi raccordando i punti, si crea l’arco della parete. Si taglia e poi,  appoggiandolo alla parete  gradatamente, con l’aiuto di una raspa  si  fa aderire la dima alla parete in modo che sia uguale.

 

Taglio del mobile utilizzando la dima

Infine dopo la realizzazione della dima si può tagliare la struttura con la forma della parete retrostante . Per completare davanti si può fare con la stessa curva della parete retrostante ed allora si hanno due archi paralleli e la profondità del mobile è sempre costante. Per invece realizzare le antine si deve fare una struttura a dima per poter piegare il legno e dare forma alle relative antine. Alcune volte si è costretti a realizzare in falegnameria i mobili in curva per bagni, cucine e camere, per le curve presenti in casa

 

 Creocasa milano una risposta a tutte le vostre esigenze

Quali materiali per realizzare i mobili su misura?

Quali materiali per realizzare i mobili su misura?

Quali materiali per realizzare i mobili su misura?

Quali materiali per realizzare i mobili su misura? I consumatori si trovano spesso di fronte a questa domanda. Scegliere il materiale più adatto per realizzare i propri mobili in falegnameria deve essere una priorità. Prendere coscienza sulla scelte dei materiali é basilare perché ne determina la qualità.

 

Quali materiali materiale in funzioni delle caratteristiche.

 

In passato il materiale principe era il legno. Con il passare del tempo partendo proprio dal legno, si è passati trasformandolo a nuovi materiali, che ne miglioravano le caratteristiche fisiche. Quali pannelli di legno massiccio, i multistrati, i  compensati, i listellari materiali migliorativi delle caratteristiche fisiche. In seguito spinti da  ragioni economiche per avere materiali a basso costo si sono creati materiali come il truciolare , i medium densiti e prodotti similari .

 

Influenza delle colle per realizzare truciolare e medium densiti

 

Materiali come il medium densiti ed i vari tipi di truciolare sono composti al 90% dal legno. IL legno è un materiale compatibile con la vita; il problema grosso di questi, deriva da sistema di produzione. Nell’uso delle colle usate come legante delle particelle, dove composti come la formaldeide pur essendo gravemente cancerogeni vengono ancora utilizzati. La scelta dei politici di non dare una normativa che elimini tale prodotto nocivo dal mercato è grave e pilattesca. Comunque esisto prodotti in cui questo elemento viene eliminato alla produzione come: il medium density prodotto a caldo in cui il collante e la lignina stessa, truciolari in cui il la formaldeide viene sostituita con collanti  inerti. Un altro problema é dato dalle vernici, che possono produrre loro stesse la formaldeide, la giusta scelta consapevole ne elimina l’utilizzo rendendo il prodotto finale più sano.

 

La scelta di quali materiali in base l’utilizzo finale e la durata

 

Una volta eliminati gli elementi dannosi ed inquinanti come la formaldeide la scelta de materiali è dettata da pure considerazioni tecniche. Resistenza, durata, costo e tipologia del utilizzo finale, sono elementi determinanti per scegliere in falegnameria quali materiali utilizzare. Vogliamo realizzare una cucina od un bagno di qualità con caratteristiche di durata nel tempo il multistrato marino lo usiamo per tale scopo.

quali materiali per il mobile bagno su misura con specchio

mobile bagno a giorno in okumè (multistrato marino) con boiserie

Armadio trasformato per le nuove esigenze del figlio

Armadio trasformato per le nuove esigenze del figlio

L’armadio trasformato in falegnameria per le nuove esigenze del figlio è ormai una priorità. Ogni spazio della stanza è occupato da scaffalature provvisorie per poter riporre scarpe, vestiti ed oggetti. La camera ha un letto a soppalco in più, senza soddisfare le reali neccessità del figlio che cresceva. Quando aveva comprato la cameretta, gliela avevano consigliata anzitutto perché in promozione senza pensare al futuro.

 

Le esigenze di vendita dei mobili non creano l’ambiente giusto

 

Spesso chi vende è infine distolto dalla reale soluzione.  Il nostro cliente è colpito sopratutto dalle immagini e dai colori degli ambienti ed facile indurlo a scelte sbagliate basate sulla fiducia anzitutto nel venditore. Chi vende ha una grossa responsabilità nei confronti del cliente e deve dare i giusti consigli enumerando le reali esigenze del cliente. Oggi a distanza di qualche anno ci ritroviamo a modificare la stanza con un armadio trasformato per soddisfare dunque le esigenze intriseche. Non aver saputo consigliare  dunque il cliente in modo soddisfacente mina la sua fiducia.

 

L’armadio trasformato per dare la giusta risposta va ponderato

 

Dare la giusta risposta ad un errore di partenza ci impone dunque di dare una soluzione di qualità perché dobbiamo risolvere gli errori precedenti. Quindi prima di iniziare i lavoro và analizzata la situazione elencando gli errori per confrontarli con la nuova soluzione. Nella cameretta esistente sono presenti due letti di cui uno a soppalco. Letti  che invadevano spazio senza un reale utilizzo. In questo modo diminuiva inoltre lo spazio armadio. Poi il tutto era inoltre supportato da una scaletta mai utilizzata che toglieva ulteriore spazio.

 

Come creare l’armadio trasformato

Innanzitutto creare degli spazi facilmente utilizzabili in profondita e facili da gestire per la ricerca. Dei cassetti nella parte bassa in cui riporre dunque con facilità scarpe in quantità, camice o maglioni. Poi nella parte alta l’armadio trasformato sara dotato di un ampia appenderia con del servetto per avere tutto a portata di mano.

 

Creocasa MIlano una risposta a tutte le vostre esigenze

Parete attrezzata in linea ad angolo come modificarla

Parete attrezzata in linea ad angolo come modificarla

Parete attrezzata in linea ad angolo come modificarla per avere un insieme armonioso.  Spesso in falegnameria ci fanno le richieste più disparate che esigono comunque risposte professionali con un progetto di valore.

Parete attrezzata in linea ad angolo

parete attrezzata in linea da trasformare ad angolo

      Cambia il look della tua casa con una nuova disposizione

 da modificare

angolo in cui inserire la libreria esistente dopo la modifica in falegnameria

Quante volte per dare una nuova immagine alla casa si cambia la disposizione dei mobili.  Una soluzione di sicuro effetto se fatta con gusto e creatività. Cambiare la forma di un’elemento dell’arredamento è sicuramente la fase successiva. In questa situazione si richiede la presenza di un professionista del settore per verificare la fattibilità.

Parete attrezzata in linea ad angolo come avviene la trasformazione

Ogni persona ha le proprie idee per l’arredamento del soggiorno.  Prescindendo dai propri gusti personali, ci sono alcune regole  base che bisogna osservare al fine di avere uno spazio funzionale e confortevole. Importante avere già in mente uno stile da seguire e naturalmente la disposizione degli arredi e dei mobili a seconda della grandezza degli ambienti. Il soggiorno deve avere un’atmosfera tranquilla ed accogliente . Prima di optare per una disposizione, bisognerebbe chiedersi che tipo di risultato vogliamo. Spostare nell’angolo del salotto la trasformata parete attrezzata in linea ad angolo;  cambia la scenografia dell’ambiente che deve essere trasformato in base alle nuove esigenze.

libreria modificata

libreria ad angolo modificata e finita

Parete attrezzata in linea ad angolo

libreria da linea ad angolo al grezzo in falegnameria, prima della scelta dei colori per la finitura della nuova struttura a cui appendere il televisore, per cui alla fine i cavi scompaiono

 

 Televisore elemento centrale per la parete attrezzata in linea ad angolo trasformata

 

Il televisore appeso ad una contro parete, i cavi di gestione delle apparecchiature invisibili e meglio organizzati. La zona TV è senza dubbio uno dei nostri posti preferiti con tutti i confort necessari a rilassarsi. Al termine di un’intensa giornata di lavoro, da soli o in compagnia di amici e familiari. Creocasa da la sua soluzione da realizzare in falegnameria

 

Creocasa milano una risposta a tutte le vostre esigenze

 

Formaldeide nella realizzazione dei mobili

Formaldeide nella realizzazione dei mobili

 
 
Cucine piccole su misura milano

Cucine piccole su misura milano

Cucine piccole su misura milano

Cucine piccole su misura sempre piu presenti nelle case degli italiani. Vuoi per le ridotte dimensioni delle case che per dare spazio agli altri ambienti. Le cucine piccole su misura vengono spesso realizzate nelle falegnamerie specializzate. In falegnameria vengono riprodotte le forme dell’ambiente così da essere letteralmente cucite addosso alle pareti. A volte le piccole cucine su misura si vogliono relegare all’interno di armadi o piccoli ambienti realizzati ad hoc.

 

 cucine piccole su misura

piccola cucina su misura diventata soggiorno

 

Per le cucine piccole su misura capienza e  funzionalità

 

In questa particolare categoria di cucine piccole su misura,bisogna trovare un equilibrio tra funzionalità e sfruttamento degli spazi. La scelta dei materiali e soprattutto dei colori,ha un ruolo fondamentale per avere la sensazione di spazio e comodità che si cercano. Le cucine  piccole su misura sono sempre più richieste e necessarie in un contesto limitato a livello di metratura interna delle case. Milano è una di queste realtà dove queste cucine sono più richieste.

La scelta dei materiali ulteriore elemento importante

 

Materiali per le cucine piccole su misura, realizzare la cucina definitiva, prevede  un mobile cucina con ottime caratteristiche di durata.  Il locale cucina è forse il locale in cui trascorriamo buona parte del nostro tempo.  Rendere questo locale salubre dipende anche da cosa ci mettiamo per costruirlo all’interno.  Evitare l’utilizzo di pannelli con emissioni è sicuramente la scelta migliore.  Il legno è sicuramente il materiale piu duraturo e salubre. Sono da evitare alcuni sottoprodotti come il trucciolare ed i medium-densiti  sia per la loro scarsa resistenza meccanica o per il contenuto di formaldeide.

 

Le cucine piccole su misura sospese

 

 Le piccole cucine su misura sospese rappresentano una soluzione accattivante e di design minimalista. Tutto questo è reso possibile, nella produzione attuale di piccole cucine su misura sospese realizzate da creocasa in falegnameria.  Grazie ad una nuovo concetto di lavoro rivolto ad una ricerca costante del bello, non più modelli bloccati, ma creati di volta in volta rispondendo ai desideri dei nostri clienti. Con la falegnameria Creocasa è avvantaggiata sia nella produzione che nella ricerca di nuovi modelli.

 

  Piccole cucine su misura compatte da 45 centimetri

 

minicucina compatta da 45 cm

Minicucina compatta con profondità 45 cm, schizzo volumetrico dei moduli della cucina e disposizione di lavello e piastra cottura

 Compatte da 45 le cucine piccole su misura, quante volte è capitato di sentirsi rispondere “non si può fare”, o “non esiste”.  Le cucine piccole su misura o minicucine  non è certo un’invenzione di questi ultimi tempi. Già negli anni 60 era sentito il problema della mancanza di spazio in casa. L’architetto e designer italiano Joe Colombo inventò per la Boffi già nel 1963 una cucina piccola su misura  monoblocco, capace di racchiudere in un circa un metro cubo tutte le funzioni necessarie per preparare una pietanza, conservare freschi gli alimenti e persino ordinare piatti e stoviglie.

Quando le piccole cucine

Le cucine piccole su misura compatte è certo un estremo, che la porta ad essere utilizzata prevalentemente in contesti differenti da quello residenziale. La normativa prevede sempre e comunque delle superfici da destinare esclusivamente alla cottura dei cibi. per cui ad una cucina su misura

 In alcuni casi, ad esempio quando si è in presenza di un pilastro nell’angolo della cucina, o un ringrosso che porta via spazio al piano di lavoro.  Le piccole su misura devono in maniera ottimale  occupare tutto lo spazio, sfruttando ogni angolo sfortunato e tutto ciò è davvero molto utile.

Generalmente i moduli base delle cucine standard misurano 60 centimetri di profondità ( 56 per l’esattezza). La misura  per incassare la maggior parte degli elettrodomestici e accessori in commercio per basi da 60  cm. Esistono però anche lavelli e piastre cottura anche per cucine profonde 45 cm.

 

 

Quali lavelli per le cucine piccole su misura profonde 45 centimetri:

minicucina compatta da 45

Lavelli per minicucine compatte da 45 di profondità, modello S4001.1V.17×40.FT della Foster lavelli

 

I lavelli possono essere a due vasche, a una vasca e mezza, a una vasca.Quando c’è una lavastoviglie e il lavello si usa raramente. Nelle cucine piccole su misura  con profondità 45 cm. la scelta del lavello si riduce drasticamente. Nonostante tutto si possono scegliere diverse tipologie: lavelli con bordo filotop, lavelli sottotop, lavelli con bordo standard.

 I lavelli filotop e sottotop, avendo le dimensioni del bordo ridotte,  si possono adattare a mobili con profondità più piccole di quelle che necessità.  Le dimensioni del foro di un lavello come quello dell’immagine prodotto dalla Foster sono 22X45 cm. Con queste dimemsioni ridotte può essere quindi utilizzato  per cucina con profondità 50 cm. o trasversalmente per cucina con profondità fino a 30 cm.

Altri modelli di minilavelli sono visibili su internet sul sito della Foster o sui siti di altre note marche.  Chi dice che è impossibile incassare un lavello piccolo per una cucina profonda 45 cm. non ha nemmeno visto il catalogo del grande gigante svedese!

 

Quale piastra cottura per una minicucina profonda 45 centimetri:

Minicucina compatta vetroceramica

Piastra elettrica serie Domino della Siemens

Generalmente questo tipo di cucine piccole su misura sono richieste per ambienti che in precedenza non erano cucine. in questi ambienti è difficile che ci sia nelle vicinanze una cappa aspirante. Inoltre trattandosi spesso di cucine piccole su misura di monolocali o comunque stanze di piccole dimensioni in cui è necessario ricavare un angolo cottura. In queste situazioni è meglio orientarsi su una piastra elettrica piuttosto che sulle piastre ibride elettriche/gas. Tale decisione alfine da non generare gas incombusti, poi bisogna valutare che tipo di piastra da installare.

Le piastre elettriche non necessitano di cappe collegate alla canna per l’espulsione dei gas incombusti, ma solo di cappe per l’aspirazione degli odori/vapori

Le piastre elettriche per minicucine a ridotto spessore sono tantissime, basta dare un’occhiata in internet.  In questo caso, come per il lavello, basta acquistare una piastra cottura come quelle in vetroceramica della serie Domino della Siemens, con dimensioni del foro per l’incasso sul piano da 30X52 cm., e posarlo in senso longitudinale al piano, in maniera tale che rimangano almeno 5 centimetri per parte, sia dalla parte del frontale che dalla parte dello schienale.

Per quanto riguarda il resto degli elettrodomestici, bisogna valutare quale tipo di elettrodomestico serve inserire nelle cucine piccole su misura, se frigoriferi sottopiano, o lavastoviglie da 45 cm di profondità o di altezza (come fossero forni a microonde per intenderci).

 

Le cucine piccole su misura NELL’ARMADIO

cucina su misura armadio

le cucine piccole su misura compatte a scomparsa nell’armadio , dotata di porte a scomparsa per non intralciare quando sono aperte.

 

Tutte le nostre cucine su misura sono in legno marino, vedi

galleria:

 

DA CREOCASA ABBIAMO TUTTE LE RISPOSTE ALLE VOSTRE ESIGENZE!

 

 

Le cucine piccole su misura  su misura che vestono casa

Rinnovo mobili con nuovo colore

Rinnovo mobili con nuovo colore

Rinnovo mobili con nuovo colore

 

un nuovo design al tavolo da noce a laccato

tavolo in legno prima del rinnovo

Rinnovo mobili con un nuovo colore: dare una nuova immagine semplicemente cambiando la finitura superficiale. Laccando la superficie esterna con un nuovo colore. Con una nuova superficie ,molti  sono perplessi quando si trovano di fronte a questo dilemma, come fa un nuovo colore  superficiale a  rinnovare in mobili e il design nell’arredamento, ci vuole qualcosa in più!  Ci vuole qualcosa di più: la fantasia, la voglia di mettersi alla prova, voler creare il cambiamento a tutti i costi è questo che ti sprona a riuscire quando sei fortemente motivato).

 

 

 

Un nuovo colore al tavolo per rinnovarlo da noce a laccato

 

Gli avevamo appena finito nella nostra falegnameria a Milano il mobile del soggiorno un mobile dalle linee minimaliste in rovere spazzolato lucido.  Voleva inserire un tavolo particolare , ma Paolo era dubbioso non sapeva decidere. Aveva un vecchio tavolo in legno di palissandro che gli aveva regalato la madre. Aveva arredato casa dove era andato a vivere in autonomia e gli spiaceva buttarlo via ,dal punto di vista della struttura era robusto voleva fare qualcosa a quel tavolo.  Non sapeva

rinnovo mobili con nuovo colore

nuovo colore per il tavolo a nuova immagine

cosa,  me lo fece portare in falegnameria a Milano e mi mollò la patata bollente. Voleva il rinnovo del tavolo con un nuovo colore. In laboratorio a Milano lasciai il tavolo in un angolo non avevo le idee chiare. Volevo dargli una linea particolare e mettere in evidenza alcune sue  caratteristiche per creare un design. dopo qualche settimana mi venne un idea per valorizzare e ottenere il rinnovo mobile. Con un nuovo colore di evidenziare le parti in legno massello mettendo in evidenza le venature  per cui spazzolai pesantemente  le gambe e  la fascia perimetrale del tavolo rotondo  , carteggiando il piano, ma mantenendolo liscio e giocando sui contrasti  visivi. Tutto è incentrato sulla differenza delle superfici tra il piano estremamente liscio e il bordo e le gambe spazzolate che danno al tavolo un fascino particolare.

Milano è una città magica nella sua atmosfera ricca di storia e lavoro ,crogiolo di culture diverse che si fondono insieme nella ricerca di nuove forme. A Milano in questo periodo è di moda il rinnovo mobili con nuovo colore dandogli un look più accattivante.

 

Rinnovo mobili libreria con un nuovo colore

 

Perchè cambiare libreria? laccala

libreria prima della laccatura

 

 Cambiare la libreria?

E’ meglio il rinnovo mobili libreria con un un nuovo colore gli risponde Barbara al suo compagno. la libreria è ancora nuova l’ho fatta fare solo pochi anni fà, ed è ancora integra ed è un vero peccato buttarla via. Se mai possiamo dargli una nuova immagine cambiando alcuni particolari e rinnovandola con un nuovo colore.   Qualche mese fà navigando in internet e mi ero imbattuta in un articolo che trattava lo stesso problema per una cucina degli anni 50 che era stata completamente rinnovata.  Una laccatura generale sostituendo solo le cerniere e riutilizzando tutto il resto compreso le maniglie messe in evidenza da un nuovo colore a contrasto. Allora cerca su internet se esiste questa azienda, perché non rinnovare il mobile libreria che sicuramente si risparmia il che non guasta visto i tempi.Erano questi i ragionamenti che avevano fatto.

 

 

  Rinnovo mobili consultando internet

 

Dopo aver consultato il web mi telefonarono per il rinnovo mobili libreria e gli feci un primo

perche cambiare libreria? laccala

Perchè cambiare libreria? laccala Nuova immagine

costo telefonicamente. Ci accordammo andai a trovarla per il ritiro della libreria da laccare per portarla in laboratorio. Sul posto barbara ci espresse il desiderio di realizzare due piani in rovere sbiancato per dare un tono, un nuovo carattere alla libreria. A distanza di 30 giorni lavorativi dal ritiro gliela abbiamo riportata e montata in casa. La libreria ha una nuova immagine un nuovo look, dal giorno in cui decisero il rinnovo dei mobili libreria, ha acquisito una nuova immagine. Un carattere deciso proprio come la volevano e con un costo contenuto hanno rinnovato il mobile con laccatura di un nuovo colore ed una migliore finitura. Con la falegnameria abbiamo sostituito i piani della vecchia libreria con dei piani un rovere e successivamente laccati e sbiancati con la laccatura.  

 

Creocasa MILANO: una soluzione a tutte le vostre esigenze

 

 

Scritto da Gaetano Grasso di Creocasa

Armadio come modificarlo: alzarlo, ridurlo, abbassarlo

Armadio come modificarlo: alzarlo, ridurlo, abbassarlo

Armadio come modificarlo è il fulcro di questo articolo

Armadio come modificarlo: alzarlo, ridurlo, abbassarlo

Armadio come modificarlo bene

Come potete notare l’ampliamento dell’armadio è di una colonna a sinistra la cui anta e molto simile alle esistenti

Armadio come modificarlo: alzarlo, ridurlo, abbassarlo ne vale la pena? Sicuramente, se  è di qualità ,ma anche se il mobile è di truciolare, perché ha perso tutta la formaldeide contenuta. Un mobile senza formaldeide rinnovato è più sano, di un mobile nuovo dello stesso materiale. L’armadio come modificarlo dando la sensazione che nulla è cambiato. Le modifiche sono da realizzare in falegnameria avendo cura di fare attenzione ai dettagli. Di eliminare tutti quegli elementi che inquadrano l’armadio ad una certa misura e lo limitano nell’ampliamento. L’armadio sopra fotografato sarà pure innalzato ad apparire una fascia di chiusura in quattro sezioni con antine a ribalta.

Con il colore si risolvo diverse problematiche.

Con la rilaccatura totale dei mobili si rende l’immagine più uniforme eliminando le differenze. Avere un buona cabina di verniciatura  toglie le eventuali differenze, la colorazione dei mobili influisce anche nella forma finale.

Modificare è frutto anche della Crisi

Anche la crisi a contribuito alla scelta delle modifiche mirate.In questi tempi di crisi generalizzata è diventata la nuova moda modificare e rilaccare. Le persone sempre più spesso ritrovandosi i vecchi mobili ,vuoi per la nuova moda del modernariato. Vuoi che prima i mobili venivano realizzate a regola d’arte e avendole in casa da anni si affezionano agli arredamenti. Cercano nuove soluzioni nel rinnovare l’arredamento a milano con l’immagine vintage che tanto piace alle nuove generazioni. Poi sempre più spesso tutti i mobili sono da modificare in altezza profondità e larghezza, basta contattarci.

Anche la cucina è soggetta al rinnovamento

Rinnovare la cucina a milano risparmiando, è questo che molte persone vorrebbero realizzare  .Oggi in periodo di crisi si fanno scelte più ponderate, chi deve realizzare una nuova cucina la vuole robusta, che duri nel tempo e che sia facilmente modificabile; chi ne ha già una valida  vuole cambiare l’aspetto alla cucina risparmiando. L’ambiente cucina è maggiormente sottoposto all’usura del tempo, perché il 50% del nostro tempo lo passiamo in cucina a cucinare, preparando il pranzo o la cena, consumando la colazione e se l‘ambiente è sufficientemente grande a vivere anche il magico momento in cui tutti si ritrovano attorno al tavolo a perpetuare il magico rito del cibo in famiglia.

Scaletta lavori per rinnovare la cucina a milano

  1. Realizzazione di piano rivestito in gres porcellanato
  2. Sostituzione cerniere
  3. Sostituzione maniglie o laccatura
  4. Revisione della struttura e riparazioni
  5. Carteggiatura e laccatura di tutta la cucina
Creocasa Milano una risposta a tutte le vostre esigenze

Legno nell’arredamento

Il legno nell’arredamento

Il legno nell’arredamento è il materiale principale con cui vengono costruiti i mobili su misura .  Dall’abbattimeno degli alberi si ricava il legno .   Gli alberi lavorati possono essere trasformati in tavolame, massello o ulteriori materiali compositi in legno.

Tipologie dei materiali trasformati che utilizzano il legno nell’arredamento

Dai materiali a base legno più economici, ai materiali più tecnologici. Diamo una rapida carrellata per poterne valutare le caratteristiche fisiche e chimiche

 Il truciolare di legno nell’arredamento

Truciolato, o truciolare, è il nome con cui vengono indicati, comunemente, i pannelli in fibra di legno composti di trucioli risultanti dallo scarto delle normali lavorazioni del legno. I trucioli vengono impastati con materiali leganti e quindi pressati per produrre i pannelli; i pannelli ottenuti possono essere di diversi tipi a seconda del tipo di truciolo. Alle colle (PF o UF) possono inoltre essere addizionati agenti idrofobizzanti, fungicidi, ignifughi, ecc. Con lo stesso nome si può indicare anche il materiale ligneo di base, cioè l’agglomerato di trucioli impiegato per produrre tali pannelli. Il pannello viene commercializzato così com’è ma molto più spesso il semilavorato serve da base per essere rivestito con laminato plastico o impiallacciatura per realizzare piani di lavoro e conferire al pannello qualità estetiche, ma anche e soprattutto migliori proprietà meccaniche, fisiche o chimiche. Questo materiale viene solitamente usato nelle produzioni industriali perché stabile e poco costoso.

Significato delle sigle

PF – sigla DIN 7728 e 16780 della fenolformaldeidebdhsg             UF – sigla DIN 7728 e 16780 della urea-formaldeide

Medium-density fibreboard

Il Medium-density fibreboard (sigla MDF), traducibile come “pannello di fibra a media densità”, è un derivato del legno. È il più famoso e diffuso della famiglia dei pannelli di fibra, comprendente tre categorie distinte in base al processo impiegato e alla densità: bassa (LDF), media (MDF) e alta (HDF). La sua produzione puo avvenire per via secca con trattamenti ad alta pressione con fibre di legno finemente macinate miscelate con colle PF o UF Per via umida utilizzando sempre fibre di legno, ma solo acqua ad alte temperature e  pressatura ad alta pressione se la lignina resina naturale del legno contenuta nel legno  è sufficiente, subisce un processo  plasticizzazione e ricementazione senza l’utilizzo di resine estranee dando un materiale più salubre.

Compensato – multistrato di legno nell’arredamento

Il compensato è un semilavorato a strati di legno sfogliato dal tronco dell’albero. Appartiene alla  classe dei pannelli stratificati o multistrati, dai quali si distingue per l’orientamento incrociato degli strati. Il metodo per ottenere pannelli di legno compensato consiste infatti nello “sfogliare” il tronco d’albero con un  tornio in grado di tagliare uno strato molto sottile di legno (1-3 mm), incollando poi i fogli fra loro in modo da “incrociare le venature”. Questo incrocio fa sì che la resistenza del materiale sia uniforme in tutte le direzioni. Per incollare i fogli tra loro serve una pressa semplice grande come il pannello, simile o uguale a quella per creare pannelli di truciolare. I pannelli che hanno più di 3 strati, con spessore superiore a 8 mm, prendono il nome di multistrato. il multistrato di legno nell’arredamento è un materiale costoso, ma con caratteristiche di resistenza decisamente superiori.

Il paniforte

l paniforte è un semilavorato del legno costituito da un’anima formata da listelli accostati materiale di risulta della falegnameria e da due facce di piallacci o compensato. In genere le due facce di piallaccio sono di pioppo o di betulla e per i listelli si usa  il legno, che riempie il paniforte a costituirne l’anima: di fatto è un materiale composito affine ai pannelli sandwich, che unisce leggerezza a rigidezza oltre che stabilità (rispetto alle variazioni di temperatura e umidità). Il tutto va a definire lastre dello spessore fino a 50 mm. Essendo facile da lavorare e assemblare è usato per costruire scaffali, mobili e porte e piani grandi e robusti. I listelli interni possono avere varie dimensioni: piccoli e rettangolari giustapposti per il lato lungo fino a dimensioni maggiori di 25 × 75 mm di sezione. Così come i pannelli sandwich hanno un’alta rigidezza per via dei listelli. Per migliorarne l’aspetto estetico spesso i bordi sono strisce termoadesive o con strisce di legno massello.

I pannelli di listellare o paniforte da non confondere col tamburato

Non và confuso con i più economici e leggeri pannelli tamburati, costituiti sempre da due fogli sottili di compensato, mentre per anima hanno delle strutture a nido d’ape in cartone o listelli in legno alternati, usati spesso nell’arredamento (ad esempio porte).

Specchio come metterlo anche sull’armadio o porta

Specchio come metterlo anche sull’armadio o porta

Specchio come metterlo anche sull’armadio o porta? Cerchiamo di dare una risposta alla domanda che spesso i nostri clienti ci pongono in falegnameria. Lo specchio è uno di quegli accessori che in una casa non manca mai e spesso dobbiamo trovare il modo di applicarlo in modo corretto. L’utilità dello specchio è ormai confermata: per farsi la barba, per pettinarsi, per provare un vestito, per vedere nelle parti nascoste senza piegarsi. Come incollarlo correttamente su di una parete, su di una nicchia nelle piastrelle, su una porta o l’anta di un armadio bisogna tener conto di alcune regole.

Materiale per fissare lo specchio

 Specchio come metterlo anche sull’armadio o la porta occorrono i materiali giusti per la successiva posa.

Un pannello di compensato dello giusto spessore per metterlo nelle nicchie delle piastrelle e portarlo a filo delle stesse.

Un rotolo di biadesivo meglio quello con la spugnetta interna che aderisce meglio anche in presenza di una superficie non perfetta.

Del silicone neutro, perchè il silicone acetico rovinerebbe lo specchio macchiandolo.

 

Specchio da incollare nella nicchia delle piastrelle per averlo a filo

Per mettere lo specchio nelle nicchie delle piastrelle è meglio inserire una dima perfettamente in squadra durante la piastrellatura che ci dà una quadratura. Per poi inserire lo specchio è utile in base alle spessore dellla piastrellatura mettere un compensato dello spessore per compensare lo specchio ed averlo a filo.

Specchio come incollarlo anche sull’armadio sospeso o porta

 

Per incollarlo bisogna poi procedere in questo modo ed averlo immediatamente posizionato.

  1. Solo per le ante, controllare che ci siano sufficienti cerniere che possano sopportare il peso dello specchio
  2. Fissare il biadesivo in verticale sullo specchio dividendolo in tre, quattro parti il biadesivo viene posto in verticale per avere una ventilazione che indurire il silicone.
  3. Mettere il silicone neutro dietro lo specchio senza esagerare se no, in questo caso delle ante potrebbero inacarsi.

 

Creocasa milano una risposta a tutte le vostre esigenze

Cucine con le ante spazzolate in vero legno

Cucine con le ante spazzolate in vero legno

Cucine con le ante spazzolate in legno

cucina con anta a telaio spazzolata per evidenziare la struttura del legno con la spazzolatura con ante i massello a telaio

Cucine con le ante spazzolate in vero legno

Cucine con le ante spazzolate in vero legno, realizzarla legno è sicuramente un esperienza unica in cui alla fine prevalgono i disegni della natura. La spazzolatura è una tecnica che crea il rilievo delle venature tipiche del legno che invecchia e si consuma. Questo trattamento riprende le caratteristiche estetiche del legno vecchio. Volendo si possoriprodure le tonalità acquisite da anni di trattamenti, di manutenzione e pulizia, nonchè dall’aggressione degli agenti atmosferici. Con la spazzolatura viene riprodotta l’ usura superficiale che caratterizza il legno vissuto. Questa  tecnica conferisce eleganza ed evidenziando l’anima del legno che semplicemente laccato o trattato acquisisce nuova vita.

Costruire un armadio in legno spazzolato in falegnameria a opera

le tre finiture finali del legno pur col colore che più piace per cucine con ante spazzolate

 

Essenze che si prestano alla spazzolatura per evidenziarne le venature

 

Per realizzare cucine con le ante spazzolate s possono scegliere diverse essenze: abete,  larice,  pino, frassino, rovere, castagno comunque legni in cui la venatura sia ben visibile. Un grossa differenza per creo cucine  per costruire le cucine con le ante spazzolate  data dalla tipologia: anta a telaio o massello o l’anta liscia. Con la cucina in massello ogni pezzo è comunque diverso dal altro in quanto materiale naturale. La diversità dei singoli pezzi è comunque valutato positivamente. Per realizzare cucine con le ante spazzolate piane, la loro costruzione è frutto del lavoro del ebanista in falegnameria, perché anta in piano ha altre lavorazioni.

 

Ante piane come prepararle per le cucine con le ante spazzolate

 

Noi per fare le ante in piano utilizziamo dei pannelli di listellare di abete spessore 12 mm placati da entrambi i lati con del co-pensato da 3 mm e successivamente impiallacciati da entrambi i lati con essenza da 1 mm. I pannelli ottenuti di 180 x 360 hanno le venature longitudinali lunghe quanto i pannelli, che potevano andare a seguire nelle ante contigue della cucina.

 

Le cucine su misura con le ante spazzolate a mano da creocasa

Bagno nuovo con boiserie in legno marino senza opere murarie

Bagno nuovo con boiserie in legno marino senza opere murarie

Bagno nuovo con boiserie in legno

marino senza opere murarie.

Bagno nuovo con boiserie in legno marino senza opere murarie. Spesso ci capita di dover realizzare i bagni cercando di ridurre al minimo le opere murarie senza creare i disagi dovuti alle macerie e alla polvere. A milano tre tutti i bagni sono stati realizzati quasi in modo industriale e prefabbricato con pareti rivestite in piastrelle su di un lato. Con un rivestimento in formica pesante da 8 mm di spessore che crea muretti e colonne per contenere tutte le tubazioni di carico e scarico.  La distribuzione dei diversi sanitari dietro le pareti di formica con un top per il lavabo sopra-piano dava  una fredda  sensazione.  il rifacimento del bagno con una boiserie resistente all’acqua creando in contemporanea l’arredamento  con qualcosa di molto caldo con una diversa atmosfera .

Bagno nuovo con boiserie in legno marino, anche una risorsa per risparmiare

La  boiserie è anche una risorsa per risparmiare nel bagno a Milano ed  è un soluzione nuova ed elegante. Bagno nuovo con boiserie in legno marino senza opere murarie per completare il bagno.  Volendo rinnovare l’arredamento e l’impianto del bagno,  si vogliono ridurre al minimo i lavori edili nel ambiente in cui si vive. il bagno limitandossi all’ impianto idralico ed elettrico ,senza lunghe demolizioni fonti di polveri e disagi  rende lo spazio più brioso e traspirante.  Alternativo senza ripetere i soliti stereotipi dei bagni completamente rivestite di piastrelle che aumentano i fenomeni di condensa . Bagno nuovo con boiserie in legno marino facendo respirare le murature perimetrali, dando un aspetto più caldo ed accattivante.

Bagno nuovo con boiserie in legno marino con boiserie una risorsa per risparmiare si può intervenire in ogni situazione, siano classiche o moderne. Con la boiserie reinventare gli spazi, realizzare bagni riducendo al minimo i lavori edili

Rivestimento con boiserie

Dopo diverse riflessioni gli proposi una boiserie perimetrale in legno e come legno resistente all’acqua e che avesse anche un buon risultato estetico scelsi l’okume con il noce tanganika,che comunque avrebbero dato anche un buon rapporto qualità prezzo.

rivestimento bagno in legno marino marino, bagno nuovo con boiserie in legno

bagno con boiserie in legno marino, con mobile bagno abbassamento in legno e specchiera con cornice

LA realizzazione del rivestimento in legno poteva anche essere laccata di tutti i colori della gamma dei colori ral

Piani legno resistenti all’acqua

Piano in legno per lavabo da appoggio realizzato in massello di Okumè, profondità 55 cm e frontale con spessore 5 cm.  Il piano è privo di appoggi e si regge esclusivamente su dei listelli tassellati alle pareti e avvitati sotto il piano.
L’Okumè è un legno estremamente resistente all’acqua, impiegato anche nella nautica per la realizzazione dell’arredamento per imbarcazioni. Da Creocasa lo utilizziamo per realizzare i nostri arredo-bagno e le cucine su misura, in maniera tale che  la presenza d’acqua non danneggi il mobile.

 

Piano lavabo da appoggio

Piano in legno per lavabi da appoggio

 

In commercio la maggior parte dei mobili per il bagno sono realizzati in truciolare nobilitato. Il truciolare è protetto da uno strato superficialmente  impermeabile, alla lunga il materiale si danneggia. Il massello di okumè o il multistrato marino invece resistono all’acqua e non danno problemi di nessun tipo nei nostri mobili su misura.

Piano legno per lavabo da appoggio

Piano appoggio in legno per lavabo

 

La profondità del piano di appoggio in legno dipende dal tipo di lavabo che si decide di installare. In genere i lavabi da appoggio possono essere liberi o da siliconare alla parete, quindi possono sporgere in misura maggiore

 Smontaggio sanitari e sostituzione rubinetterie

Bagno nuovo con boiserie in legno  realizzando il lavoro di rivestimento con le boiserie c’è stata la necessità di smontare tutti i sanitari e le rubinetterie .i sanitari sono stati puliti dal calcare e sanificati . Le rubinetterie che comunque avevano qualche problema sono state completamente sostituite con tutti i sifoni ed attacchini.  Contemporaneamente abbiamo realizzato il mobile bagno con la specchiera in linea con il rivestimento, con top in noce tanganika e ante in okumé. Pure il contro soffitto in alluminio è stato sostituito,con un abbassamento lineare in legno.

 

Creocasa Milano una risposta a tutte le tue esigenze

 Contattaci per le tue realizzazioni