Falegnameria, gli interventi per riparare i mobili in legno danneggiati

tavoli in legno massello

I mobili sono di sicuro uno degli elementi distintivi di una casa, capaci di dare subito tono e carattere ai diversi ambienti. I mobili in legno, seppure di stili e tipologie di materiale diverso, vanno sicuramente per la maggiore e il motivo è semplice: puntando sui mobili in legno è impossibile sbagliare! È infatti un materiale versatile e resistente, capace di conferire un’atmosfera calda e accogliente alla casa: lo stile shabby prevede l’uso di legno sbiancato e dall’effetto vissuto, lo stile classico predilige i legni più scuri, mentre gli stili più moderni puntano spesso su legni chiari. In ogni caso, però, bisogna tenere conto che il legno è un materiale abbastanza delicato, ma ci sono alcuni piccoli consigli per riparare i mobili in legno danneggiati con il fai da te e riportarli a nuova vita.

Piccole riparazioni per i mobili in legno danneggiati

I mobili in legno possono andare incontro a piccoli danni che ne compromettono l’estetica, ma ai quali a volte è facile rimediare con qualche piccolo intervento fai da te di falegnameria o di semplice pulizia. Vediamone alcuni:

  • macchie di acqua o provocate da bicchieri e pentole: sono piccoli danni che si possono verificare soprattutto sui tavoli in legno. Le macchie di acqua possono essere semplicemente strofinate con un panno di cotone umido con un po’ di dentifricio e bicarbonato oppure con un composto di sale fino e olio, lasciando agire per una decina di minuti. Una volta rimosso il composto, si può lucidare e uniformare la superficie con una crema per mobili in legno;
  • macchie di diverso tipo sui mobili in legno: in questo caso, facendo bene attenzione a non intaccare il legno, si può passare delicatamente una lametta sulla superficie, poi strofinare un composto di burro e cenere sulla superficie danneggiata per levigarla e lucidarla. Una volta ripulito il mobile con un panno umido il vostro mobile sarà come nuovo.

Falegnameria: come riparare i mobili scheggiati

Per procedere a questo piccolo intervento di falegnameria non serve essere degli esperti, ma basterà avere un po’ di manualità e mettere in pratica alcuni piccoli accorgimenti. Prima di cominciare, assicuratevi di avere tutto l’occorrente a portata di mano: se il danno non è molto esteso potete provare a sistemarlo con dello stucco miscelato con colla e polvere di legno, che si può trovare in commercio già pronto, e poi stuccare il mobile nella parte rovinata. Tenete in considerazione che lo stucco, quando asciuga, tende a ritirarsi, quindi mettere in conto di dover fare un secondo ritocco. Quando lo stucco si sarà asciugato definitivamente potrete carteggiare la parte e dipingerla con una vernice dello stesso colore del mobile.

E se il danno è più esteso?

Se il danno al vostro mobile da riparare è più esteso avrete bisogno di mettere in atto un lavoretto di falegnameria diverso e più accurato. Prima di tutto carteggiate la parte danneggiata fino a che non sarà bella liscia e omogenea. A questo punto dovrete, con un po’ di pazienza, procurarvi un pezzettino di legno della stessa forma della parte scheggiata. Ricopritelo con una buona quantità di colla e applicatene altra sulla parte scheggiata del mobile: le due parti dovranno aderire bene. Ricordate che il pezzetto di legno dovrà sporgere di qualche millimetro. Dopo l’asciugatura, carteggiate accuratamente, infine riverniciate con una vernice che riprenda il colore del mobile.

Falegnameria, i rimedi naturali per riparare il legno

Ci sono dei rimedi naturali che si possono mettere in atto per riparare i danni superficiali dei mobili in legno pur senza essere grandi esperti di falegnameria:

  • olio di fegato di merluzzo: non spaventatevi per l’odore, questo rimedio è perfetto per rimediare a graffi superficiali sul legno. Prendetene qualche goccia e sfregatela sulla parte danneggiata, poi aspettate qualche ora affinchè penetri nel legno. Una passata con un panno morbido renderà il vostro mobile splendente;
  • una pasta preparata con noci tritate e un po’ di olio di oliva è un ottimo rimedio per coprire graffi sui mobili di legno. Gli oli naturali contenuti nella polpa delle noci, infatti, si fondono con il legno ridonandogli lo splendore originario;
  • una mistura di olio e aceto è un brillantante naturale per i vostri mobili in legno e coprono anche piccoli graffi. Non solo: il potere dell’aceto elimina anche polvere e batteri. Dovrete semplicemente passare il composto sulla superficie del mobile che volete pulire e lasciare che penetri per qualche minuto. A questo punto potrete rimuoverne l’eccesso con un panno umido;
  • inumidite dei fondi di caffè con acqua oppure olio di semi di lino e applicate il composto sulla superficie del vostro mobile. La tinta rilasciata coprirà graffi e imperfezioni e darà nuova vita anche ai mobili più rovinati e scoloriti;
  • la cera permette di coprire graffi e imperfezioni sui mobili in legno senza bisogno di operazioni di falegnameria. Si può anche mescolare con vernici colorate per uniformarla al colore del legno;
  • quella tra olio e dentifricio può sembrare una strana combinazione, eppure è molto efficace per riparare i vostri mobili in legno danneggiati, soprattutto per coprire graffi e piccoli segni. Lasciate agire fino a che il composto non si sarà asciugato, poi eliminate l’eccesso con un panno umido.

Conoscete altri metodi per riportare all’antico splendore i vostri mobili rovinati? Noi di Creo Casa siamo sempre a vostra disposizione per occuparci di interventi di falegnameria per ridare nuova vita ai vostri mobili in legno.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.