Dipingere i mobili, i consigli e gli errori da non commettere

restyling cucina

Se avete in casa un mobile vecchio e un po’ rovinato, provate a dargli nuova vita prima di buttarlo, soprattutto se si tratta di un arredo di buona qualità. Vediamo quindi come dipingere i mobili per dargli un aspetto nuovo, che si inserisca alla perfezione nell’arredamento della vostra casa.

Dipingere mobili, cosa fare prima di cominciare

Prima di dipingere i nostri mobili vecchi, ci sono alcune operazioni da compiere. Innanzitutto togliete tutti i pomelli, i manici e gli elementi che possono essere rimossi facilmente, in modo da agevolarvi tutte le operazioni di pittura. Potrete personalizzare questi dettagli in un secondo momento, magari scegliendo un colore tono su tono oppure a contrasto.
A questo punto pulite accuratamente la superficie su cui dovrete applicare la pittura, facendo in modo che sia asciutta e in buono stato; cosa necessaria dare una leggera passata con una carta abrasiva per uniformare la superficie e permettere alla vernice di aderire al meglio, spolverando poi con un panno pulito. Se il vostro mobile è molto sporco potete sgrassarlo con un po’ di acqua tiepida e bicarbonato oppure con un prodotto apposito.

Il procedimento da seguire

Se fino a qui avete seguito le nostre indicazioni, siete pronti a passare alla fase che vi darà maggiore soddisfazione: quella dell’applicazione della pittura. Scegliete uno smalto, mescolatelo bene per uniformarlo e poi applicate il numero di strati che vi sembra necessario, usando un piccolo rullo oppure un pennello per le parti lavorate e per le rifiniture. Cominciate a pennellare nel senso delle venature del legno, poi cambiate la direzione di stesura per ottenere il miglior risultato possibile.
Tra uno strato e l’altro lasciate asciugare bene, il risultato sarà migliore.

Cosa serve per dipingere un mobile laccato senza scartavetrare

Vi consigliamo di procurarvi dei teli per non sporcare il pavimento e dei vestiti vecchi che potete macchiare senza problemi. Vi serviranno poi:

  • nastro adesivo di carta per coprire le parti da non verniciare;
  • pennelli e rulli;
  • una vaschetta per diluire il colore;
  • primer;
  • vernice del colore che preferite;
  • vernice fissativa.

Come verniciare un mobile laccato?

Se volete dipingere mobile laccato dovete per prima cosa procurarvi una apposita vernice bianca chiamata primer, ma detta anche aggrappante o fondo all’acqua. Potete trovarla indicata anche come cementite, che però è in genere più densa e indicata per trattare i mobili che presentano una superficie con qualche imperfezione. Questo passaggio è fondamentale per dipingere un mobile laccato senza scartavetrare: in caso contrario la vostra vernice comincerà a sfaldarsi nel giro di pochi mesi.

Dopo una prima carteggiata leggera potete dare una passata di primer, quindi poi, potete procedere direttamente con la vernice del colore che avete scelto, passando una o due mani con un rullo a seconda dell’effetto che volete ottenere. Lasciate asciugare bene il tutto tra un’operazione e l’altra. Uno strato di vernice protettiva è d’obbligo, poi il vostro mobile sarà pronto a cominciare la sua seconda vita. Per pulirlo vi basterà una semplice passata con un panno umido.

Questo procedimento per dipingere mobili si può replicare anche con porte, sedie, infissi, vecchie credenze e altro ancora.

Dipingere mobili effetto shabby

I mobili in stile shabby sono di gran moda e stanno bene in quasi tutti gli ambienti, soprattutto se amate l’arredo in stile vintage. Vi potrebbe venire voglia di dipingere mobili in legno in stile provenzale. Nulla di più facile: il procedimento passo per passo per ottenere un risultato impeccabile l’abbiamo spiegato in questo articolo.

Dipingere i mobili, gli errori da non commettere

Quando si vuole dipingere i mobili ci sono alcuni errori da cui tenersi alla larga. Quali sono, quindi, gli sbagli che comprometterebbero la buona riuscita della vostra impresa?

  • non pulire accuratamente il mobile prima di procedere;
  • non carteggiare prima la superficie
  • non utilizzare un primer per mobili prima di passare alla fase di verniciatura vera e propria;
  • essere frettolosi e non rispettare le giuste tempistiche per l’asciugatura delle varie mani;
  • non essere accurati nella stesura delle mani di vernice, con un risultato che non potrà che essere piuttosto approssimativo;
  • non applicare una vernice protettiva una volta colorato il mobile: questo passaggio è fondamentale per mantenere il mobile in perfette condizioni a lungo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.