Come ristrutturare il bagno: idee e consigli

bagno su misura

Ci sono tanti motivi per ristrutturare il bagno di casa: rendere più sfruttabili gli spazi grazie ad un arredamento studiato su misura, rifare un impianto ormai troppo vecchio, rinnovare i sanitari oppure cambiare quelle piastrelle che proprio non ci piacciono più.

Di qualunque tipologia ed entità sia la ristrutturazione bagno che avete in mente, il primo consiglio che possiamo darvi è quello di affidarvi a dei professionisti che sappiano consigliarvi e seguirvi al meglio. E che comodità se potessero offrirvi, come noi di Creo Casa, una ristrutturazione davvero “chiavi in mano”, pensando a tutti i dettagli: dalla progettazione alla realizzazione degli arredi, dal rifacimento degli impianti a tutta la parte burocratica.

Come ristrutturare il bagno: le fasi dei lavori

Ma veniamo al dunque. Che si tratti di ristrutturare un bagno piccolo o di capire come ristrutturare un bagno stretto e lungo, le fasi dei lavori non cambiano. In estrema sintesi, per la ristrutturazione completa di un bagno, sono:

  • la rimozione dei sanitari e la demolizione del bagno già esistente, pavimento e piastrelle di rivestimento delle pareti comprese. In questa fase vengono anche tolte tutte le tubature e gli scarichi dell’impianto idraulico, soprattutto se si ha intenzione di cambiare la disposizione dei sanitari. Per i padroni di casa potrebbe essere un po’ shockante vedere il proprio bagno “distrutto”. Questa situazione però durerà poco e sarà dimenticata non appena si vedrà finalmente in opera il bagno dei propri sogni.
  • Il rifacimento dell’impianto idraulico ed elettrico. A questo punto si possono rifare gli impianti idraulici ed elettrici, in modo da evitare in futuro di avere perdite o altri problemi. Inutile dire che questo lavoro deve essere fatto con grande cura da un professionista.
  • La realizzazione del massetto e il rifacimento degli intonaci. Una volta completati gli impianti si possono ricostruire gli intonaci, preparando le pareti per la posa delle piastrelle. Si passa poi a ricostruire il pavimento realizzando un massetto di sottofondo e lavorandolo per poter posare le piastrelle.
  • La posa in opera del rivestimento in piastrelle e del pavimento, seguita dalla tinteggiature delle porzioni di parete senza piastrelle. A questo punto i committenti possono già vedere il proprio bagno nuovo che prende finalmente forma.
  • La posa dei nuovi sanitari e della vasca da bagno e/o del box doccia. Questo è veramente l’ultimo step in una ristrutturazione bagno, poi l’ambiente sarà pronto per l’uso.

Tutto questo processo può sembrare lungo, ma in realtà non ci vorrà più di qualche giorno. In genere le tempistiche stimate sono di circa una settimana per un bagno di medie dimensioni.

Ristrutturazione bagno, cosa cambiare?

Sia che vogliate una ristrutturazione bagno radicale, sia che preferiate cambiare solo alcuni elementi, l’importante è avere le idee chiare. Cosa cambiare? Lo stile di un bagno può essere modificato anche solo cambiando le piastrelle. Tenete conto che colori chiari e luminosi tendono ad allargare visivamente gli ambienti e sono quindi indicati soprattutto per ristrutturare un bagno piccolo.

Si possono poi abbinare tocchi di colore più decisi, come il nero o il blu scuro per uno stile sobrio ed elegante o colori più vivaci per uno stile più allegro.

In particolare, uno dei principali trend per l’arredo bagno 2020 vede l’uso di piastrelle sottili e strette che creano una trama interessante, quasi un mosaico, e alzano visivamente il soffitto. Sono molto popolari anche le piastrelle che imitano materiali naturali come marmo, legno o diversi tipi di pietra, che danno al bagno un aspetto caldo e confortevole. Uno dei materiali più adatti a questo scopo è il gres porcellanato, che garantisce resistenza nel tempo e buona resa estetica.

Per quanto riguarda il pavimento, invece, oltre alle classiche piastrelle, si possono scegliere anche altri materiali. Ci sono ad esempio appositi parquet, che però richiedono grande cura e una buona manutenzione, oppure il microcemento, che dona uno stile minimale ed è resistente e facile da pulire. Ha inoltre il vantaggio di poter essere posato direttamente sopra al pavimento già esistente.

La scelta dei sanitari

In questo caso la scelta si può ridurre a due categorie principali: quelli sospesi, che ultimamente vanno per la maggiore, e quello posizionati a terra, più classici. Questo è un dettaglio che bisogna avere chiaro sin dal principio perchè la preferenza per l’una o l’altra categoria determinerà la collocazione delle tubature. In linea generale possiamo dire che, al di là delle preferenze personali, i sanitari sospesi occupano meno spazio e sono più adatti ad un bagno piccolo.

sanitari a terra filo parete
sanitari a terra filo parete

Come ristrutturare il bagno: gli arredi su misura

Quando si ha a che fare con la ristrutturazione del bagno, una delle esigenze è quella di ottimizzare lo spazio a propria disposizione. Perchè non farlo con un arredo su misura, che sfrutti ogni angolo e che dia all’ambiente uno stile deciso e personale? Noi di Creo Casa possiamo aiutarvi progettando la soluzione più adatta ai vostri spazi, alle vostre esigenze e ai vostri gusti.
Si possono realizzare mobili sospesi, arredi con anta scorrevole oppure elementi a tutta altezza che sfruttino davvero ogni centimetro disponibile con gusto ed eleganza.

Attenzione ai dettagli!

Al vostro bagno ristrutturato manca ancora un elemento: il vostro tocco personale, che si può esprimere nella scelta dei dettagli. Potete scegliere accessori in acciaio cromato, marmo, bambù, legno, ceramica o plastica colorata, per un risultato finale davvero “vostro”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.